booked.net

Redazione Montella.eu

Montella Una vile aggressione di Floriana Guerriero

Era tornato nella sua Mantella dopo 19 anni per incontrare la donna che sarebbe dovuta diventare sua moglie. Quella tra Salvatore Recupido, 35 anni, e Incoronata Maio era nata come una relazione epistolare, uno scambio di fotografie e null'altro, ma il matrimonio era stato presto combinato. Per lei aveva lasciato Norristown in Pennsylvania dove viveva sua madre Filomena Fierro e dove sarebbe presto tornato, una volta concluso quell'affare. Ma nulla era andato come previsto. I due giovani non si erano piaciuti e il matrimonio era andato a monte. Salvato­re si era presto fidanzato con un'altra donna, Elvira Lanzetta di Nusco e quanto prima sarebbero dovuti convolare a nozze per poi fare ritorno in America.
Era stata sua zia, Palma Fierro, ad ospitarlo in casa du­rante il soggiorno a Montella. A lei Salvatore aveva consegnato 28 biglietti americani di diverso taglio e una moneta d'oro per poi farseli restituire il mattino del 22 novembre. Voleva cambiare quel denaro ma gli avevano offerto troppo poco, appena venti lire a dollaro, una miseria, e così aveva stabilito di partire il giorno successivo col treno delle 5.37 per Napoli. Avrebbe cambiato lì le banconote. Il mattino del 23 novembre 1923, verso le 4.30, era uscito di casa, dirigendosi alla sta­zione di Mantella. Pioveva a dirotto quella mattina, Sal­vatore non aveva con sé nessun' arma, in un porta­monete di pelle nero, chiuso da bottoni automatici, i 28 biglietti e la moneta d'oro, in un portabiglietti il pas­saporto e quattro banconote italiane da lire cento. Sotto il braccio un involto contenente delle camice affidategli dalla zia Filomena Marinari, perché le portasse ad un altro nipote, Michele Fusco, guardia di finanza a Napoli.
Qualche ora dopo, lungo la strada che conduceva alla stazione, in via Serra, lo avevano trovato cadavere. Era stato aggredito e ucciso con un colpo contundente alla regione temporale-occipitale destra, probabilmente prodotto dal cozzo di una scure, che gli aveva letteralmente fratturato le ossa craniche.

Gli inquirenti avevano pensato immediatamente al furto, la giacca sbottonata, le tasche dei pantaloni rivoltate, ad un occhiello del panciotto un frammento di catena, segno che qualcuno gli aveva strappato l’orologio d’oro. Gli aggressori gli avevano, inoltre, sottratto il portamonete con i dollari americani e il portabiglietti con 400 lire italiane
A non molta distanza era stato ritrovato l'involto con le camice, probabilmente abbandonato dagli assassini dopo averne controllato il contenuto. I periti avevano, inoltre, riscontrato sul suo corpo una lesione al lato sinistro della fronte, escoria­zioni ed ecchimosi sul lato destro della fronte, del lab­bro, sul dorso delle mani, al ginocchio, probabile frut­to di una colluttazione. Tra le ipotesi, quella che fosse stato colpito mentre era riverso al suolo o ancora men­tre veniva trattenuto dagli aggressori.
Lo stesso giorno del delitto venivano arrestati Antonio Serrabocca e Generoso Camuso.

Il primo, amico dell'ucciso, era stato con lui a Filadelfia, dove si era conquistato in breve tempo una pessima fama, accusato di essere tra gli affiliati del clan della Mano Nera. Ad inchiodarlo i testimoni che lo avevano visto, qualche giorno prima del delitto, in compagnia del Recupido.
Gli aveva chiesto insistentemente un prestito, ottenendo, però, solo dieci dollari, cinque dei quali aveva subito cambiato in lire presso la locale Banca Popolare. Al momento dell'arresto gli erano stati trovati in tasca dieci dollari. Quanto a Camuso, era conosciuto in paese come pericoloso criminale. La sua abitazione distava poco dalla casa del Recupido. L’accusa rivolta al Serrabbocca e al Camuso era stata quella di aver tramato insieme l'omicidio, sapendo che l'indomani Salvatore avrebbe dovuto recarsi a Napoli per cambiare il denaro americano. Poi le parole del giovanissimo testimone Rosario De Stefano di 12 anni, che due giorni dopo il delitto aveva raccontato ai carabinieri di aver visto e riconosciuto gli assassini del Recupido.


“Il mattino del 23. Alle 5, stavo ritornando a casa dalla Masseria, che ha in fitto mio padre insieme a mia sorella, quando arrivato poco distante dalla salita della Serra, vidi un uomo che camminava con un fagotto sotto il braccio e l’ombrello. Poco lontano lo seguiva un gruppo di 5 uomini tra questi riconobbi Antonio Serrabocca, Generoso Camuso e Francesco Bruno, continuai a camminare in fretta fino a raggiungere palazzo Capone. Qui passai vicino al vaccaio Antonio Carbone, intento, insieme al garzone Domenico Gambale, a mettere i collari alle vacche da vendere in Puglia.
Ad un tratto ricordo di aver udito un forte grido proveniente dalla zona di Passo Serra dove avevo avvistato l'uomo. Anche Carbone e Gambale dovettero udirlo ma non si mossero, continuando ad occuparsi delle vacche. Pioveva a dirotto ma c'era la luce della luna che rischiarava la nottata, ecco perché ho potuto riconoscere i tre aggressori>>. E proprio la sera prima si erano recati a casa sua la moglie e il figlio del Camuso, implorando di non raccontare nulla, fino ad arrivare a minacciarlo << Se dirai ciò non ti farò più camminare sulla terra». E alla fine le manette erano scattate anche per Gambale e Carbone, ritenuti complici nel delitto. A distanza di qualche tempo, Rosario ritrattava la sua versione, raccontando di essersi inventato tutto per paura di essere accusato del­l'omicidio. Non era bastato, però, ritrattare perché la sua testimonianza non fosse giudicata attendibile, sa colpire gli inquirenti erano stati infatti i riferimenti all’ombrello e al fagotto che Salvatore effet­tivamente portava con sé.
A mettere in discussione la versione di Rosario, erano stati gli stessi familiari, a cominciare dal padre e dalla so­rella che avevano raccontato come quella sera il ragazzo avesse dormito nella masseria, "uscendo a giorno fatto", molto tempo dopo l'ora del delitto. Probabile dunque che Rosario a­vesse ceduto a quel clima di minac­cia, più volte spaventato dai compae­sani per avere avuto il coraggio di raccontare quanto aveva visto.
I tre imputati, dal canto loro, avevano proclamato più volte la propria innocenza «Certamente - aveva spiegato il Serrabocca - avevo saputo che Salvatore doveva recarsi a Napoli. Avevo ottenuto da lui un piccolo prestito, i dieci dollari sequestrati. Quando ai cinque dollari che ha cambiato presso la banca posso giurare che erano miei >>Era stata la stessa Palma Fierro a riferire come più volte e in presenza di altri testimoni avesse sentito il nipote lamentarsi del prestito richiesto dal Serrabocca di cinque o seimila lire < Un giorno aveva raccontato che mentre era negli Stati Uniti, nel suo negozio, il Serrabocca stava addirittura per vibrargli un colpo di scure alle spalle. Scoperto con l'arma in pugno, aveva volto la cosa in scherzo. Altri testimoni avevano rivelato che il Serrabocca e il Recupido sarebbero, anzi, dovuti partire insieme. L’altra zia della vittima, Filomena Marinari alle ore 18.30, avendo veduto passare il Serrabocca davanti alla propria abitazione lo avevo chiamato più volte << Antò, se domani vai a Napoli, fammi il piacere di prenderti due camice che devo mandare a mio nipote. Se non vuoi portarle tu, di a mio nipote che se le venisse a prendere lui>>.
Se vuoi consegnarle a me – aveva risposto Serrabocca – me li puoi dare perché andrò a Napoli domani e se mi riesce di vedere questa sera Salvatore gli riferirò l’ambasciata. Quindi il Recupido era andato a trovare la zia e aveva ritirato le camice. Ma non aveva mai preso il treno per Napoli quella mattina del 23 novembre. Alle 6.30 si era recata al caffè di Carmela Milano e senza che nessuno glielo chiedesse, aveva cominciato a raccontare di essere stato alla stazione di Mantella ma di non avere fatto a tempo a prendere il treno per Napoli. Era stata la stessa Milano a sottolineare come il Serrabocca non fosse del suo solito umore «Appariva preoccupato, così gli chiesi che cosa avesse. Mi rispose di non sentirsi troppo bene. Bevve caffè, giocò a carte.
Appena apprese la notizia si recò sul luogo del delitto. A Roberto Ciardiello che gli aveva fatto notare come fosse pallido aveva risposto che era stanco poiché stato a lavorare alla stazione, a caricare un carretto di castagne». Nei giorni precedenti il delitto, inol­tre, più volte, si era recato al caffè della Milano affermando di dover partire per Napoli, senza però mai muoversi.
A confermare la sua versione la padrona di casa del Recupido che aveva sottolineato come Salvatore fosse uscito quando ormai era già giorno, alle 6.30, dicendo di volersi recare a prendere un caffè. Un alibi non mol­to diverso da quello del Camuso: «Quella mattina mi sono svegliato all'alba e sono uscita dalla mia abitazione intorno alle 6.30». Un alibi che però non lo scagionava completamente, se è vero che avrebbe potuto tranquillamente trovarsi in casa alle sei dopo aver com­piuto il delitto alle 5. Dalla sua abitazione, attraverso un giardino e poi scendendo degli scalini poteva raggiungere in breve tempo un terremo a pendio verso la strada che conduce a Cassano e poi tornare indietro. Quanto a Francesco Bruno, aveva riferito di non aver mai conosciuto il Recupido e di non sapere nulla della sua partenza per Napoli.
Altri due saranno, poi, i nomi che emergeranno nel corso delle indagini quello di Rocco Gambone e Tommaso Lambertini, sui quali non saranno mai raccolte prove sufficienti così come non sarà possibile dimostrare la complicità di Gambale e Carbone.
Sarà lo stesso fratello di Rocco Gambone, Nicola, ad avanzare dei sospetti su Rocco <Correva a più non posso. Diede un calcio la porta per fare presto. Ero già sveglia quel giorno poiché dovevo recarmi in montagna a fare legna. Lo stesso Andrea Gambone mi aveva raccontato di aver intravisto quella mattina, nel recarsi in piazza a prendere il caffè, Rocco scavalcare un muro e correre. Ricordo che la moglie del Nicola invitò il marito a tacere, dicendo che parlare in questo modo poteva essere pericoloso.
Da quel che mi risulta, Rocco possiede molto denaro, che non può che provenire da delitti e rapine, poiché non ha mai lavorato.
Lo vidi spesso in compagnia del Cefalo, come viene chia­mato il Serrabocca, passeggiare per via Fontana o starsene in una bettola>>. La sentenza della Corte d’Assise di Avellino del 5 agosto condannava Antonio Serrabocca a ventuno anni di reclusione e tre di vigilanza speciale. Il Camuso, il Bruno e gli altri imputati venivano, invece, assolti.

  1170 Visite
  1 Commento
Redazione Montella.eu

La webcam che riprende 24h la piazza di Montella non è in funzione

Avrete certamente notato che la webcam che riprende 24h la piazza di Montella non è in funzione, purtroppo verso le 3 del mattino di ieri, a Strasburgo, un incendio ha distrutto uno dei datacenter più grandi d’Europa, quello di proprietà dell’azienda francese Ovh dove erano ospitati anche i nostri server. La società ha comunicato che le fiamme hanno colpito tre dei quattro edifici di proprietà ma fortunatamente non ci sono state vittime. Stiamo lavorando per ripristinare il servizio.

You will certainly have noticed that the webcam that shows 24h the Montella square is not in operation, unfortunately around 3 am yesterday, in Strasbourg, a fire destroyed one of the largest datacenters in Europe, the one owned by the French company Where our servers were also hosted. The company said the flames hit three of the four buildings it owned but fortunately there were no casualties. We are working to restore the service. Ciao Vittorio

  630 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Avviso Comune di Montella del 4 marzo 2021

Voucher di 500 euro della Regione Campania per connettersi alla rete E' possibile ottenere un voucher di 500 euro della Regione Campania per connettersi alla rete. Il Piano Voucher per la connettività in banda ultralarga, per la Campania, prevede un sostegno per l'attivazione e la connessione da rete fissa e per l'acquisto di un personal computer o tablet. In questa prima fase gli sconti sono riservati alle famiglie con reddito ISEE fino a 20.000 euro.
Il voucher consiste in uno sconto, fino a 500 euro, sul canone di abbonamento ai servizi di connettività internet a banda ultralarga, in caso di nuova attivazione di utenze a rete fissa e nella fornitura di un persona! computer o tablet. Per accedere al voucher i cittadini possono rivolgersi direttamente ad uno degli operatori accreditati. Per saperne di più vai su: "https://bandaultralarga.italia.it/"

  364 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Ordinanza N. 11 del 26 febbraio 2021. Comune di Montella

ULTERIORI MISURE PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19
IL SINDACO  Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 con la quale è stato dichiarato lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;  Visto che con D.L. n. 83 del 30 luglio 2020 veniva prorogato fino al 15 ottobre 2020 lo stato di emergenza
sanitaria legata alla diffusione del virus denominato COVID-19; Visto il D.L. n. 125 del 7 ottobre 2020 "Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonchè per l'attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020", con cui è stato prorogato lo stato di emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus denominato COVID-19 fino al 31 gennaio 2021;

 APRI IL PDF DELL'ORDINANZA 11 DEL 26/02/2021

  504 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Transizione Digitale Sostenibile delle Costruzioni di Dimitri Dello Buono

 -Le costruzioni hanno una vita e la loro vita dipende da come sono state concepite ma soprattutto da come si gestiscono e si manutengono.  Con il passare del tempo la tecnologia ci ha messo nelle condizioni di migliorare i materiali e ridurre gli sprechi. Obiettivo principale erano costi ridotti, velocità di esecuzione e miglioramento delle prestazioni.

Erroneamente si valuta una nuova costruzione nel momento in cui la si acquista ma solo poi si apprezza il vero valore ossia quando la si utilizza.

I materiali e le tecniche di costruzione cambiano quando vogliamo un risultato migliore. Avere una migliore resa in tutto il ciclo di vita richiede una spesa superiore all’acquisto che poi si recupera durante il suo utilizzo.

I materiali, poi, vanno smaltiti, gli scarti riciclati e i consumi necessari per la manutenzione e la gestione calcolati.

La transizione digitale, oggi, permette di conoscere cosa accade quando facciamo delle scelte progettuali. Possiamo quindi sapere come cambia la vita della nostra costruzione quando scegliamo un materiale al posto di un altro o se pensiamo a soluzioni che ci diano vantaggio alla lunga o nel breve ma che pagheremo poi.

Continua a leggere
  413 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Palatucci, poliziotto servo di Dio, giusto fra le nazioni

Celebrato a Roma e altrove l’anniversario di Giovanni Palatucci (1909-1945) il questore di Fiume che aiutò gli ebrei e morì a Dachau il 10 febbraio 1945.
– Un cristiano coerente fino al sacrificio di sé. Oggi è accolto come giusto fra le nazioni e come Servo di Dio.
– Il 10 febbraio 1945, a soli 36 anni, il commissario Giovanni Palatucci morì di stenti nel campo di concentramento di Dachau (Germania) in cui fu deportato per aver salvato molti cittadini ebrei dai rastrellamenti.
– La sua figura è stata commemorata lo scorso 10 febbraio a Roma, dove è stata celebrata una messa, a cui ha partecipato il capo della Polizia Franco Gabrielli.
– Anche in altre città d’Italia il Poliziotto eroe è stato ricordato con diverse iniziative. Un modo per lasciare un segno indelebile alle generazioni future, affinché comprendano il valore di chi, in quegli anni bui, decise di non voltarsi dall’altra parte e di sacrificare la propria vita per salvarne altre.

Giovanni Palatucci (Montella-AV, 31 maggio 1909–Dachau, 10 febbraio 1945).
Poliziotto, servo di Dio, “giusto fra le nazioni”. Un cristiano coerente fino al sacrificio di sé.

♦ Laddove finisce il dovere inizia la santità: è ciò che ci ha fatto comprendere, con l’estremo sacrificio del martirio, Giovanni Palatucci, il poliziotto servo di Dio e “giusto fra le nazioni” di cui il 10 febbraio scorso è stato celebrato il settantaseiesimo anniversario della morte, avvenuta di stenti nel campo di concentramento tedesco di Dachau.
♦ In una intervista concessa all’inviato de L’Osservatore Romano, Raffaele Camposano, primo dirigente nonché direttore dell’Ufficio storico della Polizia di Stato, ha raccontato alcuni eventi della vita di Palatucci, già commissario di pubblica sicurezza e funzionario alla questura di Fiume, vittima della ferocia nazi-fascista.

1. La figura del servo di Dio Giovanni Palatucci rimanda immediatamente il pensiero al sacrificio. Chi era quest’uomo?

♦ Volendo sinteticamente definire Palatucci, direi che fu un “uomo coerente” con alle spalle un percorso interiore, vissuto con pienezza e consapevolezza, come uomo, poliziotto, patriota e cristiano. Blaise Pascal diceva che «è dall’uomo stesso che discendono il bene e il male, ed è arbitrio dell’uomo scegliere quale sentiero intraprendere».
♦ Palatucci seppe fare la scelta giusta al momento giusto, in piena libertà e volontà. Ciò è chiaramente evidente allorquando, presago, oramai, della sua fine imminente, mise a nudo la sua anima affermando: «Sono rimasto saldo nelle mie posizioni: per la Chiesa, per l’umanità, per la patria, perché questo è il dovere che m’impone la coscienza e la storia nel servizio del mio popolo, il più derelitto di tutti i popoli di questo mondo».

Continua a leggere
  232 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Vibo, al parco delle Rimembranze il ricordo di Giovanni Palatucci

 

È stato ricordato anche a Vibo Valentia l’ex Questore di Fiume Giovanni Palatucci, scomparso il 10 febbraio 1945, all’età di 35 anni, nel campo di concentramento di Dachau. Questa mattina al parco delle Rimembranze si è svolta la cerimonia a cui hanno preso parte il sindaco di Vibo Valentia, il Questore Raffaele Gargiulo. Con loro anche l’assistente spirituale della Polizia di Stato Monsignor Enzo Varone ed una rappresentanza dell’Anps.

Nel corso della manifestazione è stato piantato un albero ed è stata apposta una targa di marmo. Il Questore ha ricordato la vita e l’operato del funzionario di Polizia, medaglia d’oro al merito civile, riconosciuto nel 1990 “Giusto tra le Nazioni”, distintosi per aver salvato circa 5.000 ebrei dalle persecuzioni razziali. La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Prefetto Francesco Zito, che ha ricordato l’alto valore del giovane Palatucci, suscitando grande emozione nei presenti, tra cui una discendente del Questore Palatucci che vive a Vibo Valentia.

Palatucci, prima Funzionario dell’Ufficio Stranieri, poi Questore facente funzioni, ha lavorato a Fiume fino al giorno della sua deportazione ad opera delle truppe tedesche.

  318 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Sulmona intitola una targa all’eroe discusso

E' stata inaugurata in via Sallustio a Sulmona una lastra in pietra con su incisa un’iscrizione commemorativa, con cui l’amministrazione comunale vuole ricordare Giovanni Palatucci, vice commissario aggiunto di Fiume, morto nel campo di sterminio di Dachau il 10 febbraio 1945. La figura di Palatucci però è una delle più discusse in quanto gli è stato attribuito il merito di aver salvato migliaia di ebrei, tanto da essergli stato assegnato nel 1990 dallo Yad Vashem il riconoscimento “Giusto tra le Nazioni”, nel 1995 la Medaglia d’Oro al Merito Civile dello Stato italiano, mentre il 21 marzo 2000 il Vicariato di Roma ha emanato un Editto per l’apertura del processo di beatificazione. Meriti che nel corso degli anni sono stati mano a mano smontati dagli storici.

La vicenda Palatucci nasce in seguito alle pressioni dello zio Vescovo Giuseppe Maria Palatucci nel 1952, intervenuto nella battaglia legale della famiglia iniziata nel 1946 per ottenere una pensione di guerra che il governo italiano non voleva accordare (e che fu concessa nel 1953). Il vescovo scrisse al Ministero degli Interni che il nipote era meritevole di riconoscimento in quanto aveva salvato alcuni ebrei fiumani.

Sulla figura di Palatucci ha svolto un’importante ricerca il centro Primo Levi di New York grazie allo studio archivistico della storia della Questura di Fiume tra il 1938 e il 1945. Nella relazione del centro Primo Levi è scritto: “I due fascicoli di Palatucci mostrano che agì sempre sotto lo stretto controllo dei suoi superiori, il Prefetto Temistocle Testa e il Questore Vincenzo Genovese, da cui ricevette elogi, sostegno e promozioni. […]All’interno del sistema di terrore stabilito da Testa e Genovese fin dal 1938, Palatucci fu parte essenziale della macchina di applicazione delle leggi razziali in qualità di compilatore dei censimenti che dal 1938 al 1944 furono usati per la privazione dei diritti civili degli ebrei, la spoliazione dei loro beni, l’arresto e internamento, l’espulsione e infine, la deportazione nei campi di sterminio.”

VEDI ANCHE :Giovanni Palatucci l'ex Questore di Fiume che salvo migliaia di ebrei: Iniziativa ad Ascoli Piceno

  266 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

La Polizia di Stato ricorda Giovanni Palatucci, "Esempio di altruismo fino all'estremo sacrificio"

La cerimonia stamattina 10 febbraio. Fu questore di Fiume e morì nel 1945 nel campo di concentramento di Dachau. Vicino alla Questura di Cuneo, una targa in sua memoria

"Ricordiamo Giovanni Palatucci, ultimo questore di Fiume, 'Giusto fra le Nazioni', per aver salvato migliaia di ebrei dal genocidio. Un esempio di altruismo fino all'estremo sacrificio".

E' con queste parole che Nicola Parisi, questore di Cuneo, oggi (10 febbraio) ha voluto ricordare, insieme a tutta la Polizia di Stato, la figura di Giovanni Palatucci, ex questore di Fiume, nell'anniversario dalla sua morte, avvenuta nel 1945 nel campo di concentramento di Dachau.

Riconosciuto "Giusto tra le Nazioni" dallo Yad Vashem di Gerusalemme, viene poi insignito della Medaglia d'Oro al Valore Civile alla memoria dallo Stato italiano per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei.

Nell'ambito delle iniziative previste sul territorio nazionale, la Questura di Cuneo stamattina ha ricordato Palatucci con una breve cerimonia nei pressi dell'ingresso all'Ufficio Immigrazione, posizionando una targa in sua memoria sovrastata da un albero di ulivo stilizzato, simbolo di pace, salvezza e prosperità per le generazioni future.

Continua a leggere
  326 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

"Premio Bontà 2020" agli operatori sanitari impegnati nella lotta al Covid-19 ci sono anche i montellesi Fulvio Lenzi e Giuseppe Festa

Il Consiglio Direttivo Nazionale dell'Unione Nazionale Insigniti Al Merito della Repubblica Italiana (UNIMRI), ha deliberato di assegnare il "Premio Bontà 2020" ad alcuni suoi associati che sono stati impegnati in prima linea nelle strutture sanitarie, dal mese di gennaio 2020 contro l'emergenza Covid 19. Una vera e propria battaglia che continua ancora oggi, nonostante gli enormi rischi correlati alla pandemia in atto.

Il premio è stato assegnato a:
Comm. Dr. Gaetano Dipietro, Responsabile del 118 della Regione Puglia, iscritto nella Sezione di Bari
Comm. Maria Sterpeta Mennuni, Responsabile della Sezione AVIS di Barletta, iscritta nella Sezione di Barletta
Uff. Giuseppe Festa, Coordinatore regionale FRATRES Campania iscritto nella Sezione di Montella (AV),
Cav. Dr. Riccardo Saponara, Dirigente medico UOC di Neurologia presso l'Ospedale Maggiore di Crema (CR) iscritto nella Sezione di Pavia
Cav. Dr. Francesco Paolo Maffei, Responsabile del 118 della Centrale Operativa di Barletta, iscritto nella Sezione di Barletta
Cav. Fulvio Lenzi, Responsabile FRATRES di Montella iscritto nella Sezione di Montella
Gli attestati saranno consegnati personalmente dal Presidente nazionale Cav. Giovanni Porcaro, appena le disposizioni sanitarie lo permetteranno.

  411 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Scelte le sedi vaccinali

Sono stati individuati i comuni sede dei Centri vaccinali anti-covid: Aft 1 (Cervinara e Altavilla), Aft 2 (Moschiano e Mugnano del Cardinale), Aft 3 (Montella e Sant’Angelo dei Lombardi), Aft 4 (Bisaccia e Lioni), Aft 5 (Avellino), Aft 6 (Mercogliano e Monteforte), Aft 7 ( Solofra e Montoro), Aft 9 (Montefalcione), Aft 10 (Grottaminarda e Mirabella Eclano), Aft 11 (Ariano Irpino), Aft 12 (Flumeri e Vallata).

  698 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Salvatore Maio Racconta il suo coronavirus

Visto che mi giungono notizie non veritiere sul mio conto e sulla mia famiglia sono, mio malgrado, costretto a scrivere questo post che vi aggiorna sulla ns situazione Covid-19. Martedì 26 u.s. sono risultato positivo, mentre mia moglie negativa, così come i miei figli (se non li vedete in giro è perché osservano rigorosamente le prescrizioni del protocollo) e tutti gli altri miei “contatti montellesi” che hanno eseguito il tampone molecolare da mercoledì (26.01) pomeriggio in poi.. Inoltre, tutti negativi anche i tamponi eseguiti da miei contatti “forastieri” in campo lavorativo. Zecca sì, ma poco unTORE, a quanto sembra, anche se, voglio sottolineare che non si può e non si deve condannare nessuno.

Nonostante le generali attenzioni che ho sempre adottato, non mi capacito del mio contagio, ma mi rincuora, non poco, che non sia stato io la causa di ulteriore diffusione. Tanto dimostra, se ce ne fosse ulteriormente bisogno, che questo virus è subdolo, che non bisogna abbassare la guardia, che è indispensabile non lasciare niente al caso. La mia condizione di “fortunato asintomatico” facilita la vita da “isolato” che, seppur costretto all’interno, prima di un piccolo studio a casa, ora in una stanzetta al covid residence, la ritengo, ovviamente, molto meglio di una “sterile” camera di ospedale (pensiero di Catalano memoria). Ho avuto, quindi, anche l’opportunità di verificare direttamente il funzionamento di questa struttura che bene ha fatto l’Amministrazione Comunale, unitamente ai frati conventuali, a renderla utilizzabile da parte dell’ASL.

E’ un ulteriore servizio per i cittadini che, come me, ne hanno bisogno per le ristrettezze di spazi e di servizi delle loro abitazioni, o solo per la mai troppa precauzione. Non ci vogliono raccomandazioni, solo una giustificata richiesta del medico curante da girare all’ASL; devo dire che il personale di assistenza sanitaria è sempre presente, educato, disponibile...le camerette sono abbastanza confortevoli ed adeguate ai motivi della degenza, lettino armadio, comodino, scrivania, bagno singolo, acqua calda e riscaldamento, tv in spazio comune, pulizia, cambio letto due volte settimana, cibo dignitoso (..astenersi chi cerca hotel lusso/extralusso). In questo, l’essere escursionista ed orgoglioso montanaro mi ha aiutato nell’adattamento ma le condizioni sono logicamente molto più decorose neppure paragonabili...Non comprendo il motivo del suo sotto-utilizzo e spero non sia dovuto né alla diffidenza delle persone, né dal dover dividersi dalla famiglia, né lasciare abitudini consolidate; ricordo che la incolumità dei ns cari è prioritaria……

Poi c’è la possibilità di incontrare persone eccezionali – Grazia, 76 anni, è una di queste - non proprio fortunate come me; il suo dolore (la morte del marito da quattro giorni, il mese ed oltre di degenza sola senza vedere né il suo unico figlio, né altri familiari), anche al di la del Covid, ti porta a riflettere sulle sofferenze quotidiane di tante e sempre più persone sole, sulle troppe ingiustizie, sulla pochezza di tanti pseudo problemi per i quali perdiamo il senso delle cose e del vivere…Ieri, Grazia ha ricevuto il referto del suo tampone NEGATIVO, ha pianto di gioia e la commozione ha invaso me e gli operatori sanitari presenti che, da ANGELI quali sono, non le hanno mai fatto mancare l’assistenza, il sostegno morale e psicologico; oggi ha lasciato la struttura e potrà riabbracciare il figlio prima del suo ritorno in Svizzera…… La mia promessa, fatta a debita distanza e sempre in sicurezza, di fargli visita appena sarà possibile……….La solidarietà dovrebbe essere di prioritaria importanza ed imposta “per Legge” dallo stesso Stato, in modo da obbligareogni cittadino, per un periodo definito (es. 7/15 gg.), a servire “il Prossimo” che sia esso, aiuto ai sofferenti negli ospedali, ai bisognosi, agli ultimi, alle vittime di troppe ingiustizie. Obbligo retribuito in qualche modo dallo Stato o posto a carico delle persone in caso di reticenza….Dall’obbligo di leva all’OBBLIGO SOLIDALE, sarebbe segno di civiltà. Certo sarebbe auspicabile una società nella quale tutti vivessero con dignità ma, al momento, ciò resta solo una utopia per la quale, però, abbiamo l’obbligo di lottare, tenuto conto che le disuguaglianze e le ingiustizie, anche a causa di questo Covid, aumentano a dismisura. …..Ne approfitto per ringraziare tutti voi che non mi fate mancare il Vs piacevole supporto e di questo ve ne sono grato. Siamo al secondo tempo di una partita da vincere, la durata la decidiamo noi con i ns comportamenti, teniamo la guardia alta ed usiamo la giusta sensibilità del caso, il goal arriverà, eccome.😘

  1834 Visite
  1 Commento
Redazione Montella.eu

Laurea Ilaria Marano

Tanti auguri a Ilaria Marano, figlia di Rosetta Capone e Salvatore Marano 'Tre Monti', cugina del nostro Daniele che oggi ha conseguito la laurea specialistica in SCIENZE DELLA VALUTAZIONE MOTORIO SPORTIVA E TECNICHE DI ANALISI E PROGETTAZIONE DELLO SPORT PER DISABILI. Ha discusso una tesi dal titolo "La formazione dell'allenatore per la gestione dei comportamenti problema nella scuola calcio"

  552 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Laurea Maria Barbone

Congratulazioni a Maria Barbone figlia di Annamaria Carfagno e Giacinto Barbone .Laureata in Scienze dell'informazione Università di Salerno

  579 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Intervista a Danilo Sesso andata in onda per la radio Live Social

In quest'intervista andata in onda per la radio Live Social, Danilo Sesso parla di psicologia dello sviluppo, dell'importanza del gioco in seduta e soprattutto del lavoro con i genitori!   Date un'occhiata per scoprire di cosa si occupa! https://www.danilosessopsicologo.com/ o richiedete direttamente un appuntamento al 375-5574222   mi trovate a Bergamo (BG)

  299 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Messa in sicurezza del torrente Santa Maria Montella

Nonostante l’emergenza sanitaria, l Comune di Montella sta  lavorando senza sosta per avviare i tanti lavori pubblici programmati. In questi giorni hanno consegnato i lavori di “MESSA IN SICUREZZA DEL TORRENTE SANTA MARIA CON RIQUALIFICAZIONE CENTRO ABITATO - TRATTO A MONTE”, per un importo lavori di € 468.815,45 procedura aperta, ai sensi dell’articolo 60 del d.lgs. n. 50/2016 ss.mm.ii., per l’affidamento dei lavori di messa in sicurezza del Torrente Santa Maria con riqualificazione centro urbano – Tratto a valleScadenza: 25/06/2020 12:06
Regione: CAMPANIA
Importo: € 498.580,42
Ente appaltante: COMUNE DI MONTELLA

Esito di Gara:
Numero Partecipanti: 15
Percentuale Ribasso Vincente: 6,37%
Impresa Aggiudicatrice: LANCIERI SNC DEI F.LLI MARTINIELLO
S. OFANTINA SS 401, 13/C – 83045 – CALITRI (AV)

 

  576 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Senza confini-Storia del commissario Palatucci" Giovedì 21 gennaio 2021 alle 23 circa su Rai2

"SENZA CONFINI - IL COMMISSARIO PALATUCCI"  nel ruolo di protagonista c'è SEBASTIANO SOMMA GIOVEDI' 21 GENNAIO 2021, ORE 23:15, RAIDUE liberamente ispirato alla vita e all'esempio morale di  GIOVANNI PALATUCCI, "Giusto tra le nazioni" (1990)  e Medaglia d'Oro al merito civile alla memoria (1995) dal 2004* il Vaticano lo ha proclamato "Servo di Dio"   *titolo attribuito al fedele cattolico di cui è stata iniziata la causa di beatificazione e canonizzazione

Il tv movie racconta la storia del giovane commissario di Polizia Giovanni Palatucci (1909-1945) che non si tirò indietro di fronte alle persecuzioni e ingiustizie naziste ma si adoperò in difesa degli ebrei. A Fiume (all’epoca città di confine italiana mentre oggi fa parte della Croazia), portò avanti una complessa opera di controllo e difesa degli ebrei dalle deportazioni. Accusato di cospirazione e intelligence con il nemico, Palatucci fu arrestato dai nazisti e deportato a Dachau, dove morì il 10 febbraio 1945.

La fiction è interpretata, tra gli altri, da Sebastiano Somma, Chiara Caselli, Omero Antonutti, Sergio Fiorentini, Massimo Wertmüller, Mattia Sbragia, Mariano Rigillo.
Sceneggiatura di Angelo Pasquini. Regia di FABRIZIO COSTA.
Fotografia di Adolfo Troiani. Scenografia di Angelo Santucci.
Prodotto da Sacha Film Company (2001).

Nota: la programmazione del film tv "Senza confini - Storia del commissario Palatucci" era già prevista giov. 10 dicembre 2020 per celebrare la Giornata Mondiale dei Diritti Umani, ricorrenza istituita nel 1950 durante il 317º meeting globale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
Un’occasione per riflettere sull’importanza dei principi contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che, nel 1948, sancì universalmente i diritti che spettano all'essere umano, in risposta alle atrocità compiute durante la II Guerra Mondiale.

Aggiornamento tv: per ricordare il sacrificio di chi, in quegli anni bui, lottò contro le discriminazioni e la sopraffazione razziale, Rai Due comunica che riproporrà questo tv movie giovedì 21 gennaio prossimo, sempre in seconda serata, e in prossimità del "Giorno della Memoria", che ricorrerà il 27 gennaio 2021.

Continua a leggere
  485 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

L’impresa al tempo del ‘SARS-CoV-2’ di Giuseppe De Simone

Ultimi mesi del 2019, ti si presenta l’occasione, pieno di entusiasmo la cogli ed intraprendi un nuovo percorso che non sai bene dove ti porterà ma non vedi l’ora di scoprirlo: scegli di avviare una tua attività commerciale.
Inizialmente devi superare alcuni piccoli ostacoli legati alla burocrazia; sprezzante non ti spaventi.
Sbloccate le pratiche, avvii quei piccoli lavori che cominciano a dare forma al tuo sogno ed inizi a sentire che le tue idee si concretizzano. Cerchi di velocizzare tutti i processi, contatti artigiani, fornitori, banche, etc.
Immagini soluzioni per tutte quelle problematiche che prevedi si possano verificare nel normale processo di realizzazione della tua “impresa”.
Ad un certo punto, proprio mentre la tua organizzazione comincia a prendere realmente forma, arriva l’imprevisto che mai avresti ipotizzato, il problema per il quale non hai preventivamente immaginato la relativa soluzione; ti arriva addosso un imprevisto che diventa nemico, un nemico infame ed invisibile che stravolge le abitudini di tutti e segna la vita di alcuni; un nemico che minaccia di colpire proprio quello a cui tieni di più: la salute dei tuoi cari e la tua.
Cominci a guardarti intorno, i Tg diventano punti fermi delle tue giornate; cerchi di tenerti aggiornato ma ti comporti da spettatore, non sei ancora consapevole della reale gravità della situazione. Inconsciamente ti senti protetto tra le tue montagne e assisti a quello che succede nelle città, attraverso la televisione, come fosse questione “lontana”.
Col passare delle settimane prendi effettivamente coscienza di quello che sta accadendo nel Paese; vedi datori di lavoro che mettono i propri lavoratori in smart-working, altri che impongono le ferie, altri che chiudono la propria attività. Si susseguono i Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri che ti dicono cosa puoi ancora fare e cosa non più; ti viene vietato di andare dai nonni (potresti essere tu l’ignaro portatore dell’infame nemico invisibile).
La testa ti si riempie di dubbi, di paure, non sai come sia meglio procedere e quel futuro che eri impaziente di vivere diventa incerto e addirittura fonte di paura. Non sei un imprenditore navigato e non sai quale sia la scelta migliore da fare per la tua impresa, ti guardi intorno e cerchi di capire cosa fare anche in base a come si comporta chi ha più esperienza di te.
Poi rifletti: anche gli altri si trovano per la prima volta a dover affrontare una situazione mai verificatasi prima e allora pensi che quella scelta fatta dal tuo collega potrebbe non essere la migliore. Rimetti in dubbio tutto.
A quel punto ho iniziato a miscelare consapevolmente il concetto di “fare impresa” col “fare l’impresa”.
Credo che in questo periodo i datori di lavoro siano passati dal “fare impresa” al “fare l’impresa”.
Credo che l’impresa dei datori di lavoro sia stata quella di riuscire a non fermare il lavoro nonostante le condizioni di estrema emergenza in cui tutti ci siamo ritrovati.
Credo che l’impresa che stanno facendo gli imprenditori sia quella di tentare di non chiudere la propria azienda, continuando a lavorare nel rispetto delle regole, riconvertendo l’azienda stessa nel fare altro o nel riavviare le attività dopo le chiusure imposte.
Credo che l’impresa degli imprenditori sia quella di far lavorare i propri dipendenti salvaguardando la loro salute e la loro sicurezza e, di conseguenza, la salute della propria azienda.
Credo che l’impresa la fanno anche i lavoratori, i lavoratori che si prodigano per salvaguardare e difendere il loro posto di lavoro e, quindi, l’azienda; i lavoratori che non si tirano indietro, che non restano a casa pur avendone la possibilità ma si recano a lavoro ogni mattina.
Credo che gli imprenditori debbano fare la loro parte, debbano “fare l’impresa”.
Ci sono imprenditori che proprio non possono ma per tutti gli altri deve valere lo stesso intento: contribuire il più possibile.
Ora stiamo lottando e serve l’apporto di tutti quelli che possono darlo, bisogna cercare di onorare le scadenze mettendo il sistema in condizioni di ripartire quanto prima. Ognuno deve fare la propria parte, tutti dobbiamo concorrere affinché il nostro Paese “faccia l’impresa”, l’impresa di uscire dalla situazione attuale nel miglior modo possibile e quanto prima.
Ho potuto ammirare imprenditori che, facendo l’impresa, hanno continuato a fare impresa.
Imprenditori che sono riusciti a garantire il proseguimento delle attività lavorative (in un modo o nell’altro) e altri che hanno riorganizzato la propria azienda facendosi trovare pronti alla riapertura delle attività.
Tenaci. Valorosi. Eroi.
L’impresa viene fatta, per fortuna, anche in campi diversi dall’imprenditoria.
Penso all’impresa che compiono i medici, gli infermieri e tutto il personale sanitario, gli operatori di pubblica sicurezza, i volontari e tutti i quali sono esposti in prima linea nell’assistere e confortare chi viene colpito da questo male; non hanno mollato, non mollano e sono sicuro che non molleranno.
Per tutte quelle persone che non hanno abbandonato il proprio posto di combattimento, che non si sono tirate indietro, che non si sono messe al sicuro e che per mesi non hanno avuto contatti con le persone a loro care, ogni ringraziamento o riconoscimento sarà sempre non abbastanza.
Il braccio armato del Signore.
E poi ci sono loro: i ricercatori.
Queste persone che ci hanno dato prima la speranza e poi il miracolo di avere un vaccino in tempi tanto rapidi da non sembrare vero. Hanno acceso la luce in fondo al tunnel quando questo sembrava non terminare più.
Quindi, tanti hanno fatto e fanno la loro parte, e se pensi che tante persone lottano per il proprio futuro e per quello degli altri, impiegando tutte le loro forze ed energie anche trascurando a volte i propri affetti, non puoi che seguire questo esempio; allora ti fai forza e spazzi via i dubbi e le paure dalla tua mente. Devi fare come loro, devi combattere e credere in quello che fai. Lo devi fare per chi sta già combattendo, lo devi fare per chi ha creduto in te, per chi ti ha aiutato e supportato, lo devi fare per le persone con le quali hai preso impegni dando la tua parola, e lo devi fare per te stesso!
Abbiamo quindi deciso, anche in questo periodo funesto, di confermare la nostra scelta: facciamo l’impresa di fare impresa.
La nostra piccola attività il 18 Gennaio 2021 apre i battenti.
Sicuramente, rispetto a tanti colleghi, noi abbiamo dovuto affrontare difficoltà diverse, ma non certo meno impegnative; sono convinto che usciremo migliorati da questo periodo, con una consapevolezza diversa del noi stessi e del mondo in cui viviamo; a quel punto potremo iniziare di nuovo a guidare e a goderci consapevolmente il viaggio.
E’ doveroso, per me, fare dei ringraziamenti; tante persone sono state presenti (ognuna per come ha potuto), ne cito solo alcune:
Mia madre Maria Rosaria Moscariello: instancabile, umile e generosa
Mia sorella Onorina De Simone: testarda, caparbia ed intraprendente
Luana : confidente, consigliera impagabile, catalizzatrice del mio stress e delle mie insicurezze
Francesco Dello Buono : comprensivo e disponibile
Contento di quello che (nonostante tutto) siamo riusciti a fare, con speranza e fiducia auguro il meglio a TUTTI.
Facciamo la nostra parte.
Forza e Onore
Giuseppe

  763 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Riapre a Montella in via Del Corso 94 la sezione di Sinistra Italiana.

Dopo alcuni anni di chiusura della sede, ma non di rinuncia all’impegno politico, Sinistra Italiana ha finalmente un luogo fisico nel centro del paese. Resta immutato il nome della sezione: “Enrico Berlinguer”, una guida e un faro per tutti i tesserati. In perfetta controtendenza rispetto a quello che è un orientamento nazionale alquanto diffuso, cioè la progressiva scomparsa delle sedi fisiche di partito dai territori, la sinistra montellese ha voluto trovare uno spazio dove potersi incontrare. Rimanendo fedele ad un proprio convincimento, ossia che la politica ha bisogno di confronto e di discussione e che questi possono e devono realizzarsi in un posto concreto, la sezione “E. Berlinguer” riapre le porte. Per ora, in realtà, ci si è limitati a preparare la sede. Nel pieno rispetto della normativa anti-covid tutti gli incontri e le riunioni tra i tesserati sono avvenuti e continuano ad avvenire a distanza, come è giusto che sia. Comunicare la riapertura della sede da parte nostra vuol esser un modo per dire ai nostri concittadini che siamo presenti, che continuiamo la nostra attività, che non è venuto meno il nostro impegno. Del resto la presenza di Sinistra Italiana nell’attuale amministrazione comunale con due rappresentanti è la prova concreta del nostro essere partecipi alla vita della comunità. Avere un presidio per la sinistra montellese è stato sempre essenziale, perché è la condizione di partenza per ragionare in termini politici. Avere una sede significa avere un luogo dove poter discutere, dove poter accogliere e ascoltare i cittadini, e, strano a dirsi di questi tempi, significa anche garantire una linea di continuità. In un momento storico così drammatico, caratterizzato da un disorientamento politico generale, per cui le forze partitiche sembrano sottrarsi alla discussione pubblica scomparendo dai luoghi fisici, la nostra sezione, nel suo piccolo, cerca di offrire un luogo di (ri)costruzione della politica. Certo non basta il luogo, occorrono soprattutto le persone, occorre cioè impegnarsi per contrastare concretamente l’allontanamento dei cittadini dalla partecipazione alla vita pubblica. Appena sarà possibile, daremo inizio a laboratori politici aperti a chiunque voglia offrire il proprio contributo per la crescita della nostra comunità. Inoltre, dopo il successo della iniziativa di questa estate di scambio di libri, pensiamo di organizzare una piccola biblioteca che possa essere vissuta come luogo di studio, di scambio, di confronto, di crescita. Queste sono solo alcune delle idee che abbiamo intenzione di realizzare. In attesa dell’apertura reale della sede, noi continuiamo la nostra attività a distanza, pertanto chiunque sia interessato o abbia il desiderio di trovare uno spazio di confronto e di discussione sarà il benvenuto nelle nostre assemblee.

  355 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Consegna decreti di finanziamento Gal Irpinia Sannio

Quella che si chiude è una settima di grandi soddisfazioni per la struttura del GAL ATS AISL (Irpinia Sannio-Cilsi). Concluse le necessarie attività istruttorie, abbiamo provveduto a consegnare i decreti di finanziamento per € 1.400.000,00, sulla misura 7.5.1 ( Sostegno a investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative e turistiche su piccola scala) alle amministrazioni comunali rientranti nell’area di azione del Gal.

Continua a leggere
  419 Visite
  0 Commenti