booked.net

Il sottotenente Antonio Aurillo è il nuovo comandante del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Montella.

Il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Montella ha un nuovo Comandante: è il Sottotenente Antonio Aurillo, proveniente dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Benevento, che subentra al Capitano Mario Vietri.

50enne, di origini irpine, sposato e padre di due figlie, laureato in Giurisprudenza, è stato nominato Sottotenente dopo aver vinto il concorso bandito nel 2021 per Luogotenenti dell’Arma dei Carabinieri, frequentando il 5° corso per Ufficiali del Ruolo Straordinario presso la Scuola Ufficiali di Roma.

Arruolato nell’Arma nel 1990, ha frequentato il ciclo di istruzione presso la Scuola Sottufficiali di Velletri e Firenze conclusosi nel 1992.

Impiegato sin dal 1992 in Sicilia dapprima a Palermo e successivamente a Messina, dal 1997 ha prestato servizio presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Dal 2000 al 2010 ha ricoperto il ruolo di Ispettore Sanitario alle dipendenze del NAS di Salerno ove ha conseguito anche il master quale “Ispettore Investigativo Antidoping”. Successivamente è stato impiegato alle dipendenze del Gruppo Tutela Salute Carabinieri di Napoli collaborando con la Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Napoli in importanti attività di Polizia Giudiziaria nella lotta alla criminalità organizzata partenopea nonché al contrasto del traffico di sostanze dopanti, ricevendo vari riconoscimenti per i brillanti risultati ottenuti.

Dal mese di ottobre 2015 è stato trasferito alle dipendenze del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Benevento.

Continua a leggere
  496 Visite

Carabinieri di Montella, si congeda il Capitano Mario Vietri: il saluto dell’Arma

Montella (Av) – Al termine di una carriera durata oltre 41 anni nelle file dell’Arma dei Carabinieri, il Capitano Mario Vietri, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montella, lascia il servizio attivo per transitare nella grande famiglia dei Carabinieri in congedo, silenziosi custodi dei valori secolari della Benemerita Istituzione.

Di origini montoresi, è sposato e padre di tre figli. Ha intrapreso la carriera nell’Arma nel 1980: Vicebrigadiere nel 1985 e successivamente Maresciallo Ordinario e Maresciallo Maggiore Aiutante. Nel 2018 inizia il suo percorso professionale da Ufficiale.

Approdato a Montella nel 2019, proveniente dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mercato San Severino, per lui si è trattato di un ritorno in Irpinia avendo comandato, da Maresciallo, prima la Stazione di Quindici e successivamente quella di Monteforte Irpino.

Promosso nel 2019 al grado di Tenente, da pochi giorni l’Ufficiale sulle spalline ha aggiunto una nuova stelletta, la terza, quella che contraddistingue il grado di Capitano dei Carabinieri.

Nel lungo periodo di servizio ha partecipato e condotto importanti operazioni di polizia giudiziaria, ricevendo numerosi elogi e riconoscimenti. In particolare, ricordiamo la “Medaglia d’Oro al Valor Civile”, onorifica ricompensa per l’opera e l’impegno prestati in Quindici (AV) a seguito del noto movimento franoso del 5.5.1998, conferitagli dal Presidente della Repubblica il 2 giugno 1998 con la seguente motivazione:

Continua a leggere
  671 Visite

ASA prende atto, con soddisfazione, che già nella giornata di lunedì, risultano avviati i lavori di sgombro

ASA prende atto, con soddisfazione, che già nella giornata di lunedì, risultano avviati i lavori di sgombro, con l’utilizzo di motopala, cassoni e automezzi, lavori che sono proseguiti nella giornata di ieri, nonostante la pioggia e sono ancora in corso tutt'oggi.
ASA auspica non solo che l’intervento venga eseguito nel rispetto della normativa sulla sicurezza, ma prosegua rapidamente, per poter vedere:
adempiuti gli obblighi e i doveri dell’amministrazione; e portato finalmente a compimento il “progetto di bonifica radicale” di due anni fa, approvato dalla giunta comunale, con deliberazione n. 118 del 18 giugno 2020, costato alla collettività, solo esso, almeno 40.000 euro.
ASA auspica anche che, finalmente, cali il sipario su questa vicenda di malamministrazione ultradecennale, e che le aree vengano restituite integre e funzionali alla comunità montellese.

Montella, 16 febbraio 2022

 

 

 

Continua a leggere
  393 Visite

ASA replica alle accuse dell’amministrazione sulla vicenda prefabbricati

Ecco la documentazione che la smentisce: 1 – «…per eliminare definitivamente il problema degli alloggi precari, si rende necessario procedere alla sistemazione delle dette aree, utilizzando le somme disponibili con la delibera della Giunta Regionale della Campania n. 4856/2001».
Tale delibera «…prevede la possibilità di poter assegnare il finanziamento pari al 25% di quello concesso per il programma di edilizia residenziale pubblica di € 4.216870,00…». (Così decideva il Capo dell’Ufficio Tecnico del Comune di Montella, Ing. Arnaldo Chiaradonna, in data 26 febbraio 2020 – DETERMINAZIONE N.23, del 26 febbraio 2020, ad oggetto: Incarico progettazione lavori di sistemazione aree ex prefabbricati Campo dei Preti e Schito.)

2 – «…i lavori a farsi riguardano: la totale rimozione dei residui dei prefabbricati e dei relativi basamenti e sottoservizi, il trasporto a rifiuto del detto materiale…» nonché la riqualificazione degli spazi per «…rendere le medesime aree fruibili per molteplici usi». (DETERMINAZIONE N.23, del 26 febbraio 2020, a firma dell’Ing. Arnaldo Chiaradonna)

3 – Un passo indietro: con nota n. 962, del 23 gennaio 2019, un autorevole membro dell’UTC del Comune di Montella, Arch. Bruno Di Nardo, disponeva che «…occorre procedere all’affidamento di professionalità esterne (diventate poi interne!) per la progettazione dei lavori di che trattasi».
Pertanto, il predetto incarico veniva affidato all’Ing. Carmine Bozzacco, da Montella, per ragioni… di opportunità e ragionevolezza. (DETERMINAZIONE N.23, del 26 febbraio 2020, dell’Ing. Arnaldo Chiaradonna)
4 – «…le somme massime utilizzabili per detti fini ammontano ad € 1.054.217,00».
In relazione all’importo di spesa dei lavori «…è stato quantificato un compenso professionale spettante per la sola progettazione esecutiva e per il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione per un importo di € 38.588,01 (oltre IVA)». (DETERMINAZIONE N.23, del 26 febbraio 2020, dell’Ing. Arnaldo Chiaradonna)
5 – Ancora a seguire: la Giunta Comunale (Sindaco-Presidente, Buonopane Rizieri; Vicesindaco, Dello Buono Anna; Assessori, Gramaglia Egidio, Volpe Giuseppina, Gambone Emiliano) «…rilevato che il progetto riqualifica ed urbanizza le ex aree dei prefabbricati Campo dei Preti e Schito…» e che l’intervento «…persegue una valorizzazione e recupero del tessuto urbano attualmente molto degradato, privilegia ampie aree di verde, la tutela ambientale ed il recupero energetico… DELIBERA di approvare il progetto esecutivo dei “Lavori di sistemazione ex aree prefabbricati Campo dei Preti e Schito”, così come redatto dall’incaricato Ing. Carmine Bozzacco, per l’importo di € 1.054.217,00» e di «…dare atto che il finanziamento dell’opera è assicurato dalle disponibilità di cui alla delibera della G.R.C. n. 4856/2001 (vedi punto 1) – DELIBERAZIONE N.118, della Giunta Comunale, del 18 giugno 2020 (immediatamente eseguibile) –
Ebbene, dai suoi stessi atti – puntualmente citati – emerge che l’amministrazione comunale aveva impegnato risorse ed energie nell’anno 2020 per eliminare definitivamente il problema degli alloggi precari!!
Se non bastasse, personalmente, il sindaco Buonopane, in occasione del programma televisivo nazionale Storie italiane, nella puntata dell’11 settembre 2020, ha orgogliosamente ribadito che «…per la data del 23 novembre 2020, in occasione dei quaranta anni dal sisma del 1980, l’obbiettivo è quello di sbaraccare, eliminare questi ambienti insalubri assolutamente e ripristinare questi luoghi che sono stati predisposti per ospitare i prefabbricati»!!
Invece, nel mese di gennaio del 2022, due anni dopo e paradossalmente dopo i famosi lavori di demolizione, rimozione e riqualificazione, le aree Campo dei Preti e Schito risultano trasformante da ghetto (che già erano), anche in discarica di rifiuti nocivi e pericolosi.
Questo ha segnalato l’ASA, ripetutamente, nel mese di gennaio scorso, sia al Sindaco, sia al Capo dell’Ufficio Tecnico e sia al Comandante della Polizia Municipale del Comune di Montella, e sia all’ASL di Avellino!!
Per tutta risposta, l’ASL non è intervenuta (pur avendo il dovere di farlo), lo stesso dicasi per l’Ufficio Tecnico, per la Polizia Municipale e per lo stesso Sindaco!
Costoro, benché interpellati da ASA, non hanno fornito risposta alcuna né pare abbiano effettuato il sopralluogo che era stato sollecitato!
L’unico modesto e risibile intervento che è stato eseguito consiste in una sommaria “ripulita” delle aree, per gettare fumo negli occhi all’opinione pubblica e alla stampa. (DETERMINA N.24, del 25 gennaio 2022, a firma del nuovo Capo dell’Ufficio Tecnico di Montella, Ing. Salvatore Chiaradonna)
Solo dopo tale modesto intervento, l’amministrazione comunale ha avvertito la necessità di fare “chiarezza”, partorendo il comunicato stampa del 9 febbraio 2022, col quale ha:
1. NEGATO il problema, precisando che «non vi è presenza di alcun rifiuto nocivo, ma soltanto spazzatura, lì depositata ciclicamente da parte di cittadini incivili»;
2. ACCUSATO ASA di diffondere notizie «del tutto imprecise, volutamente false ed allarmistiche sia alla nostra comunità che all’intera provincia»;
3. NEGATO di avere a disposizione una consistente somma di denaro destinata a bonificare radicalmente le aree;
4. AFFERMATO, vantandosene, di avere risolto l’incresciosa situazione «con coraggio ed assunzione di responsabilità» (sic!);
5. SCARICATO finanche le proprie colpe (responsabilità) sui cittadini, impudentemente definiti in modo offensivo come “incivili”, che vanno a depositare la spazzatura presente in tali aree.
L’Associazione ambientalista ASA, (che non è un partito politico, non persegue scopo di lucro, non è incline alla polemica, ma esercita esclusivamente in modo volontario e indipendente la propria attività di tutela e di salvaguardia dell’ambiente e della sua salubrità), ha soltanto portato all’attenzione dell’amministrazione e dell’opinione pubblica il grave problema delle ex aree prefabbricati, sollecitando una soluzione.
Purtroppo, è sotto gli occhi di tutti, che ad oggi le aree Schito e Campo dei Preti versano ancora in quello stato di vergognoso e pericoloso degrado, denunciato dall’ASA, che investe l’intera comunità e non solo le famiglie che vivono in quei luoghi, oramai letteralmente ricoperti di rifiuti nocivi e pericolosi (amianto, vetroresina, lane minerali, vetri, cavi elettrici), per giunta frammentati e in cattivo stato di conservazione, come si evince inequivocabilmente dalle numerose fotografie e riprese pubblicate.
Inoltre, l’area Schito, ghettizzata da un odioso muro, che evoca altri scenari, è pur sempre inserita nel contesto urbano ed essendo aperta ad accessibile a chiunque, è di fatto un “normale” quartiere. Tant’è vero che è raggiunta dagli ordinari servizi pubblici. Persino dal trasporto scolastico che, date le circostanze, letteralmente “scarica” i bambini nella spazzatura. Restituendo così un’immagine fortemente lesiva della dignità dell’infanzia, vergognosa e indegna di un paese che si ritiene civile.
Come se non bastasse, chi ancora ha la sciagura di abitarvi lamenta che quotidianamente viene interrotto il servizio di illuminazione pubblica a completare il quadro già di per sé desolante.
ASA, a fronte della richiesta di immediato intervento del 15 gennaio scorso e dei ripetuti solleciti, si sarebbe aspettata che il Comune e l’ASL ponessero rimedio alla grave situazione.
Sennonché, all’appello dell’ASA, ha fatto seguito solo un indifferente silenzio!
Nel suo comunicato “salva faccia”, l’amministrazione, incredibilmente definisce la denuncia dell’ASA «deliberatamente diffamatoria, non fondata su atti e fatti e, pertanto, inaccettabile», dove di inaccettabile c’è solo lo stato di vergognoso degrado oramai noto a tutta la provincia e oltre e soprattutto la colpevole indifferenza delle istituzioni e la mancata volontà di risolvere definitivamente il problema.
Poiché l’accusa di diffamazione da parte dell’amministrazione è molto grave, ASA pretende di dimostrare pubblicamente la fondatezza di quanto affermato non solo attraverso i documenti citati e messi a disposizione di chiunque, ma anche attraverso un sopralluogo che richiede urgentemente al Sindaco e ai suoi assessori, nonché alla cittadinanza e agli organi di informazione.
Inoltre, visto la perdurante condizione di insalubrità e di pericolo delle aree, considerata l’inerzia e l’indifferenza del Comune di Montella e dell’ASL, ASA ritiene necessario sollecitare l’immediato intervento del Ministero dell’Ambiente, della Regione Campania e della Prefettura di Avellino perché esercitino il loro potere-dovere sostitutivo nonché della Procura della Repubblica per quanto di propria eventuale competenza.

Montella, 13 febbraio 2022

ASA – Associazione Intercomunale per la Salvaguardia dell’Ambiente

Continua a leggere
  536 Visite

L’associazione ricorda il venerabile Giovanni Palatucci

Oggi 10 febbraio 2022, alcuni rappresentati del “Circolo Giovanni Palatucci”, dell’Associazione Nazionale Bersaglieri “E. Caldarone” e del Circolo Anziani “SS. Salvatore” hanno voluto ricordare il 77° Anniversario del sacrificio del Venerabile Giovanni Palatucci M.O.V.C. con una deposizione di una composizione floreale al monumento sito nell’omonima piazzetta. Ha partecipato il Presidente del Consiglio Comunale di Montella. I sodalizi che hanno preso l’iniziativa, realizzata in modo semplice ma significativo, in un periodo ancora contrassegnato da limitazioni del vivere sociale, aggregano persone accomunate dalla cultura della Memoria condivisa, nella considerazione di un passato che attraverso vicende e personaggi ha lasciato indelebili orme da seguire e testimonianze da imitare. Esemplare, da questo punto di vista, la figura sublime di Giovanni Palatucci: Dirigente di Pubblica Sicurezza, Patriota e Cristiano, che ha inverato i più alti valori umani e cristiani, di fratellanza, fino al sacrificio della propria giovane vita, per porre in salvo migliaia di fratelli in Cristo. Per la sua eroica disponibilità per l’altro, gli è stato conferito il titolo “Giusto fra e Nazioni” e la Chiesa Cattolica ha inviato, da tempo, la procedura per la sua beatificazione. Pietro Sica

 

  518 Visite

Comunicato Stampa Amministrazione comunale di Montella del 9 febbraio 2022

Comunicato Stampa Amministrazione comunale di Montella - L’ Amministrazione comunale di Montella intende fare chiarezza su una complessa situazione che, sebbene incancrenitasi nel corso degli ultimi decenni, ha, finalmente, affrontato a partire sin dal suo insediamento, adottando una serie di provvedimenti.
La chiarezza si rende necessaria a seguito della diffusione di informazioni del tutto imprecise, volutamente false e allarmistiche, di recente diramate sia alla nostra comunità che all’intera provincia.
Già nel corso dell’anno 2019, appena insediatasi, questa Amministrazione ha avvertito la necessità di intervenire rispetto all’assegnazione, ormai indifferibile, degli alloggi di edilizia residenziale pubblica in via Madonna delle Grazie, per poter poi procedere all’abbattimento dei prefabbricati di via Schito e Campo dei Preti ed alla riqualificazione delle dette aree.
Va evidenziato che, sebbene fossero state consegnate le chiavi dei richiamati alloggi, si è dovuto prima provvedere all’esecuzione di necessarie opere di completamento (allacci idrici, fognari, elettrici, di messa in sicurezza) per far sì che i cittadini destinatari degli alloggi potessero effettivamente abitarli ed averne il pieno possesso.
Tutta l’operazione è costata alle casse comunali oltre 40.000 euro!
Assegnati gli alloggi, si sono dovute reperire, ancora nel bilancio comunale, le necessarie risorse economiche per l’abbattimento dei prefabbricati vuoti, in quanto le somme destinate a tale scopo dalla precedente amministrazione erano rimaste “solo sulla carta” senza alcun atto di impegno effettivo.
L’operazione di sgombero delle aree è stata affidata a ditte locali che hanno fornito la loro operatività con costi orari ridotti. Le risorse, circa 70.000 euro, che pure l’amministrazione era riuscita a reperire, sono tuttavia terminate prima che si potessero completare tutti gli abbattimenti e ripulire definitivamente le due aree interessate. Aree nelle quali, è bene precisare non vi è presenza di alcun rifiuto nocivo, ma soltanto spazzatura, lì depositata ciclicamente da parte di cittadini incivili.
Contestualmente sono state adottate tutte le iniziative idonee a garantire un adeguato sostegno economico alle famiglie non beneficiarie di alloggi e occupanti senza titolo legittimo i prefabbricati, sia in termini di ricerca di nuovi alloggi, che in termini di contributi economici per facilitare il pagamento degli affitti delle nuove abitazioni.
Inoltre ci si è attivati per cogliere seriamente l’opportunità di candidare le stesse aree di Schito e Campo dei Preti, ad un nuovo finanziamento per un lungimirante e serio progetto di riqualificazione.
Il progetto non risulta al momento ancora finanziato, per cui la notizia secondo la quale si è in possesso di liquidità non utilizzata è del tutto falsa e tendenziosa, così come lo è la notizia che sarebbero state onorate SOLO le relative spese tecniche, per non parlare dei conti fatti “al ribasso” circa i costi sostenuti sino ad ora dall’amministrazione attuale per le dette aree, che ammonterebbero “solo” a 4.000 euro!
Alla luce della ricostruzione dei fatti è evidente ed oggettivamente riscontrabile con documenti come questa Amministrazione ha affrontato situazioni incresciose, incancrenitesi negli anni per inerzia amministrativa, risolvendole con coraggio ed assunzione di responsabilità. Pertanto risulta inaccettabile una denuncia non fondata su atti e fatti e, pertanto, deliberatamente diffamatoria.
Come amministratori abbiamo sempre considerato l’associazionismo fondamentale per l’azione amministrativa e favorito forme di partecipazione dal basso, per il contributo di confronto e di supporto che da esse può derivare, purché si traducano in una fattiva collaborazione e sollecitazione e non si limitino alla mera polemica, per scopi diversi.

  1387 Visite

Centenario dell’assassinio di Ferdinando Cianciulli

Comunicato stampa del Comitato d’onore per il centenario dell’assassinio di Ferdinando Cianciulli (22 febbraio 1922-22 febbraio 2022)
“A cento anni dall’assassinio di Ferdinando Cianciulli riteniamo doveroso ricordarlo perché uomini come lui hanno segnato la nostra storia culturale e politica e diventati patrimonio collettivo di una Comunità, testimonianza fondamentale per i più giovani”
È la motivazione che, su sollecitazione di Mario Garofalo e Paolo Saggese, ha dato vita, nei primi mesi dello scorso anno, al Comitato d’onore per il centenario della morte di Ferdinando Cianciulli, a cui hanno aderito Francesco Barra, Giuseppe Iuliano, Generoso Picone, Cecilia Valentino e Anna, Adriana e Raffaele Dello Buono, nipoti di Ferdinando Cianciulli.
Per la celebrazione dell’evento il Comitato ha lavorato alla stesura di due volumi, un “corpus “di saggi e di documenti che consegnano un profilo “a tutto tondo” del politico e del pubblicista che ha segnato la vita sociale, culturale e politica di Montella e dell’Irpinia.
Le due pubblicazioni, la cui presentazione al pubblico avverrà in un Convegno previsto per il prossimo mese di aprile, hanno il considerevole merito di arricchire il patrimonio culturale irpino di elementi storico-sociali nuovi o ancora non del tutto esplorati
“Ferdinando Cianciulli. Passione e ideologia. Scritti scelti” è stato interamente curato da Mario Garofalo e propone una selezione completa degli scritti, con una Appendice sulla storia del Partito socialista irpino dal 1900-1922, di cui il Cianciulli è stato fondamentale protagonista
“Ferdinando Cianciulli Martire del socialismo A cento anni dal suo assassinio (22 febbraio 1922-22 febbraio 2022) – Con un omaggio a Giovannina Morrone” è stato curato da Paolo Saggese e Giuseppe Iuliano con saggi di Francesco Barra, Generoso Picone e Cecilia Valentino
Il Comitato d’onore per il centenario dell’assassinio di Ferdinando Cianciulli (22 febbraio 2022)

  602 Visite

Mabel di Giuseppe Marano

MABEL (Il veleno rotola in pallottole di carne per via S. Michele-Variante-Toppo di Panno)  - Queste mie parole voglio dedicarle ad una mansueta cagnolona che chiamavano Mabel prima amica “affettuosa” di Pippo, in ricordo, impossibile risarcimento, della sua brutta fine.    Salivo ogni mattina presto per l’antica via del Montesorbo che porta a Panno ed appena sbucavamo sulla Variante la cagnolona dava un balzo da lontano per venirci incontro (se ne stava acquattata nei pressi delle case del Toppo di Panno).

Non vi dico la festa e la felicità con cui accoglieva Pippo che si sfrenava pure lui in frenetiche effusioni.

Non accettava crocchette, pur buone, le bastava e superava, volerci bene: ci accompagnava per lungo tratto della Variante fin giù nei pressi del professionale dove allora stavo, veniva fin sotto la porta ma non si permetteva di entrare educata discreta, per poi contenta riprendere la via del ritorno. Questo per molti anni tutte le mattine fino alla brutta telefonata di inizio dicembre ‘19.

  Un amico mi disse che l’avevano avvelenata al Tòppo di Pànno. Qualche giorno dopo mi diede una sua bella fotografia con lo sguardo pieno di felicità di vivere che consisteva in poco/tutto per lei: nel voler un bene semplice incondizionato, che non chiedeva alcun ricambio.

Ho fatto pure denunzia ai CC…ma a che serve? Devi pregare solo il Padreterno di farti trovare il soggetto mentre imbandisce la strada di succolenti bocconcini…

Continua a leggere
  806 Visite

Laurea Gabriella Capone

Congratulazioni a Gabriella Capone figlia di Maurizio e Silvana Soriano, laureata in Ingegneria Spaziale presso l'università Federico II di Napoli

  795 Visite

Claudio Sica

Serenamente è venuta a mancare in Norristown all'età di 94 anni , da poco compiuti, Claudio Sica , ne fdanno il trriste annuncio la moglie Camilla, i figli Alberto e Raffaele , le nuore gli adorati nipoti. - Si associano al dolotre della perdita del caro zio i nipoti in Italia.

Claudio Sica nato a Montella Provincia di Avellino il 9 gennaio del 1928 , già a due anni incomincia la sua avventura della vita, fu dimenticato in casa durante il terremoto del 1930, la madre se ne accorse solo dopo che erano fuggiti, perché ne mancava uno.
Già dalla prima elementare quando tornava dalla scuola il padre lo voleva nel suo negozio prima di fare le lezioni che il maestro gli assegnava, crescendo, un bel giorno il padre chiama a raccolta i suoi quattro figli é testualmente dice: siete in quattro ma uno di voi deve aiutarmi nel negozio (Sartoria e Tessuti) altrimenti non ce la faccio a sostenervi tutti agli studi, purtroppo la scelta cadde su Claudio, che poi a soli quindici anni il padre gli da la responsabilità di dirigere il negozio.
Passati gli anni della guerra, a venti anni trova l'anima gemella, una ragazza di Venezia, a venticinque si sposano, matrimonio con grande amore che dura ancora oggi.
Subito dopo la guerra incominciano ad arrivare i problemi, la gente del paese incominciò ad emigrare, iniziò l'esodo di oltre metà dei dodicimila abitanti, mai si nego' ai clienti di aiutarli facendo credito in modo che quando arrivavano in Svizzera- Francia ecc. potevano presentarsi ai datori di lavoro con una certa eleganza all'Italiana, anche se erano emigranti.
Tutto quello che possedeva era nelle mani dei fratelli emigrati che gli spedivano cento lire al mese.
Intanto arriva un figlio é gli arrivi delle cento lire si facevano sempre piu' rare in quanto i primi tempi per gli emigrati non erano proprio facili.
Approfittando di una legge degli Stati Uniti che facilitava l'ingresso per i profughi, decidemmo di emigrare anche noi (mogie profuga dall'Abissinia Africa Orientale) dove era emigrata col padre nel 1935.
Cristoforo Colombo 2011 02Arrivati in America il dodici marzo d 1956 , il 14 già era al lavoro in una azienda di oltre duecento dipendenti che confezionava uniforme di tutti i tipi. Gli anni passavano , siccome occorreva nuova manodopera portava gli ultimi arrivati dall’Italia, tanto che in breve tempo la maggioranza in fabbrica era Italiana.
Gli venne messo dai gelosi delle altre nazioni ,il nome di Ufficio di Collocamento ma lui era orgoglioso di vedere lavorare con lui tanti fratelli della stessa sua terra.
Nel 1960 ebbe il piacere di confezionare una divisa al generale Eisnewuer l’allora presidente degli Stat Uniti.
Intanto si scrisse all’Ordine dei Figli d’Italia, la più grande organizzazione Italiana negli Stati Uniti ed ebbe occasione di conoscere molta gente, che come lui aveva molta voglia di raggiungere il famoso American Dream (Sogno Americano) Si scrisse alla Mutua Beneficial Asociation del S.S, Salvatore dove ha fatto parte del Direttivo.
Ha fatto parte dell’organizzazione NASTRA per eleggere il direttivo delle scuole elementari e liceali.
Membro della Police Atletic Leg associazione per togliere ragazzi dalla strada.
Ha organizzato pranzi per aiutare I poveri nel convento delle suore di Santa Teresa di Calcutta.
Formò una squadra di calcio tutta Italiana iscrivendola al campionato dell’America Soccer Leg, vincendo tutte le partite per ben due anni.
Intanto faceva progressi con la lingua Inglese e con questo ha avuto opportunità di fare un gran passo assumendo la direzione del reparto

Alterazioni di uno dei più quotati grandi negozi degli Stati uniti (John Wanamaker)
Per anni continuò ad assumere I nuovi arrivati dall’Italia. Ha avuto sempre buoni rapporti con tutti. I Consoli Italiani di Philadelphia che si sono succeduti negli ultimi 52 anni, il giorno 6 dicembre del 2007 ha avuto l’onore di essere presente a Monangah West Virginia con la partecipazione dell’Ambasciatore Italiano negli Stati Uniti ed il Console Generale di Philadelphia Stefano Mistretta con altre personalità Italiane da tutti gli Stati Uniti per l’inaugurazione del monumento ai minatori periti cento anni prima.
Nel 1991 casa per casa da solo per far firmare una petizione per intitolare una strada centrale di Norristown al suo paese nativo
Che fù approvata all’unanimità dal consiglio comunale.
Anche nel 1991 assieme ad un suo grande amico riuscirono a far gemellare Norristown USA con Montella Italia, subito dopo si incominciò ad organizzare gruppi turistici tra America è

Napolitano C Sica 03

Italia portando anche molte personalità Americane.
Ha avuto molta soddisfazione quando ha organizzato arrivi di politici di tutte le tendenze, impegnandosi a far trovare moltissimi ad accoglierli, ha organizzato incontri culturali tra giovani Italiani ed Americani assegnando anche borse di studio.
Attualmente copre cariche da Presidente dell ANFE (Associazione Nazionale Famiglie Emigrate In Pa)
Presidente dell’Unione Regione Campagnia Pa USA
Vice Presidente Federazione Regione Campania USA
Alcune Onorificenze Ricevute :
1. John Wanamaker Achivement Award 1985
ANFE Attestato di Benemerenza conferito dal Senatore Saporito pdl Federazione Campani nel Mondo President Award
Filitalia International Humanitarian Award
Comune di Montella Av. Attestato Citta Gemelle
Prov. Avellino Attestato Benemerenza conferito dal Pres. F. Maselli Comunita Montana Attestato Root of Irpinia conferito dal Pres. Di Orio.
Onoificenza dell’Ordine della Stella della Solidarietà Italiana nel grado di Cavaliere.

Continua a leggere
  1288 Visite

ASA, Montella – Cambio della guardia per la difesa dei Picentini! #Guerrierout

Montella, 30 gennaio 2022 – La recente pandemia di Covid-19 ci ha mostrato lo stretto legame tra la nostra salute e la salute dell'ecosistema.  Il Parco Regionale dei Monti Picentini - la più grande riserva d'acqua del Meridione - non gode di un buon stato di conservazione e proseguendo così delle sue bellezze ne resterà un flebile ricordo. Allo scopo di proteggere e di ripristinare la natura è più che mai necessario il cambio della guardia per la difesa dei Monti Picentini poiché l'attuale "garante" si è rivelato del tutto inadeguato se non dannoso. È fondamentale e doveroso istituire un nuovo Ente, il Parco NAZIONALE, che sia idoneo alla salvaguardia del patrimonio ambientale dei Monti Picentini ma anche per preservare dall’inquinamento le acque, preziosa risorsa per l’assetato Meridione.

#Guerrierout
Vignetta, L’emigrante (M.C.)

  484 Visite

Avellino, Capone ceduto a titolo definitivo al Seregno

Il classe 2003, irpino doc di Montella, si trasferisce nel girone A di Serie C - DA OTTOPAGINE

L'Avellino ha raggiunto l'accordo con il Seregno per la cessione a titolo definitivo del classe 2003, Federico Capone. La scorsa estate, dopo essersi messo in mostra tanto da ritagliarsi un posto in prima squadra, nella stagione 2020/2021, ed essere convocato per il ritiro a Roccarasoil cursore di fascia era stato girato in prestito al Novara (Serie D) dove ha giocato nella prima parte di stagione collezionando 11 presenze tra campionato e Coppa di Categoria. Poi la scelta di fare rientro nella sua Montella e la chiamata del club lombardo, che milita nel girone A di Serie C (dodicesimo posto, quota 23 punti).

Il Seregno crede in Capone e ha deciso di investire sul ragazzo irpino che, così, saluta l'Irpinia per andare a cercare fortuna e fiducia nel nord Italia in maniera paradossale rispetto alla conclamata volontà della società di puntare sui talenti, specialmente se locali, come evidenziato dall'impegno per la crescita del settore giovanile.

In tarda mattinata l'Avellino ha girato i documenti al Seregno e in questi minuti, in compagnia del suo agente Mario La Cava, Capone ha firmato il contratto di addestramento tecnico con cui si è legato alla società della provincia di Monza e della Brianza. Il "nero su bianco", per uno strano scherzo del destino, arriva in sede, a poca distanza dallo stadio "Ferruccio": proprio come si chiama il nonno di Federico Capone, ex sindaco di Montella, noto uomo di calcio ed ex presidente del Campobasso.

  1211 Visite

Consegnata Ottava Borsa di Studio Giovanni Palatucci

Consegnata Ottava Borsa di Studio  Giovanni Palatucci  Presso l’Istituto Comprensivo Alcmeone  Una giornata dedicata alla Shoah  Per non dimenticare   Dopo un anno di pandemia finalmente si è svolta l’ ottava edizione della Borsa di studio in memoria di Giovanni Palatucci, Questore reggente di Fiume Italiana che diede la vita per salvare alcuni israeliti dalla follia tedesca durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberano il campo di concentramento di Auschwit ed a tale proposito si istituisce in tale data con la legge n° 211 del 20 Luglio 2000, il “ Giorno della Memoria “ in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, inoltre per non dimenticare le vittime della furia nazista durante la seconda guerra mondiale. 

                   E’ stato ricordato tra le vittime dell’ Olocausto il “ Servo di Dio e Giusto Tra le Nazioni “ Giovanni Palatucci “ , nato a Montella (Avellino) il 31 maggio 1909, morto a Dachau il 10 Febbraio 1945, poliziotto italiano, vice commissario aggiunto di pubblica sicurezza e Medaglia d’oro al merito civile.

                   Per l’occasione con tutte le ristrettezze a causa del Covid-19 erano presenti :

per la Prefettura la d.ssa Molè, Il Questore dott. Marco Giambra , il Sindaco Dott. Vincenzo Voce,

Continua a leggere
  573 Visite

Giardini che onorano Giovanni Palatucci

GIOVANNI PALATUCCI (1909 - 1945) il questore di Fiume che aiutò gli ebrei -Nasce a Montella, in provincia di Avellino, il 31 maggio 1909. Nel 1932, a ventitré anni, si laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino e nel 1936 si arruola come volontario nel ruolo di Vice Commissario di Pubblica Sicurezza a Genova. Alla fine del 1937 viene trasferito alla Questura di Fiume come responsabile anni successivi avrà incarichi di Commissario e di Questore-reggente dell’ufficio stranieri, ruolo che lo mette a contatto diretto con la dura realtà della condizione degli ebrei. In seguito assume l’incarico di Commissario e di Questore reggente e non si allontana da Fiume neanche quando il Ministero ne dispone, nell’aprile del 1939, il trasferimento a Caserta.

Rodolfo Grani, ebreo fiumano che conobbe personalmente Palatucci, lo ricorda come “nobilissimo giovane cattolico” e cita un suo primo grande intervento di salvataggio del marzo 1939. Si trattava di 800 fuggiaschi che dovevano entro poche ore essere consegnati alla Gestapo. Palatucci avvisa tempestivamente Grani, il quale ottiene l’intervento del Vescovo Isidoro Sain che, a sua volta, nasconde temporaneamente i profughi nella vicina località di Abbazia sotto la protezione del Vescovado.

Il 13 settembre 1944 il funzionario di polizia viene arrestato dal tenente colonnello Kappler delle SS e tradotto nel carcere di Trieste, da cui, il 22 ottobre, è trasferito nel campo di sterminio di Dachau, dove muore il 10 febbraio 1945, pochi giorni prima della Liberazione, a soli 36 anni.

Nel 1990 lo Yad Vashem di Gerusalemme lo giudica “Giusto tra le Nazioni” e nel 1995 lo Stato italiano gli attribuisce la Medaglia d'Oro al Merito Civile.

Il 21 marzo 2000 il Vicariato di Roma emana un Editto per l'apertura del processo di beatificazione del “Servo di Dio Giovanni Palatucci”, avvenuta il 9 ottobre 2002. Inoltre, in occasione della cerimonia ecumenica Giubilare del 7 maggio 2000, papa Giovanni Paolo II lo annovera tra i martiri del XX Secolo.

Continua a leggere
  441 Visite

Trieste ricorda Giovanni Palatucci e Feliciano Ricciardelli

Trieste ricorda Giovanni Palatucci e Feliciano Ricciardelli, all’ingresso della Questura, collocate le Pietre d’Inciampo dedicate alla memoria dei due Commissari deportati nel 1944 nel campo di Dachau  . l’operazione è stata coordinata dal cav Sergio Schirinzi, membro dell’associazione Giovanni Palatucci e referente locale della stessa.

  429 Visite

Ettore Volpe è deceduto ieri sera al Moscati di Avellino

Ne danno il triste annunzio la moglie Maria Grazia Fico, i figli Antonio, Felice e Fernando, le nuore Maria,Marialaura, e Maria Rita, gli adorati nipoti Ettore, Francesco,Maria Grazia, Chiara, Michele , Luigi e Giovanna I fratelli Felice,Giuseppina, Gaetano Eleonora e Fernando, i cognati , le cognate, i cognati i nipoti ed i parenti tutti.
Il dottor Ettore Volpe è morto  a causa del Covid all’età di 85 anni: è stato uno tra i pionieri dell’ematologia ad Avellino. Era ricoverato all’Ospedale “Moscati” in terapia intensiva. Lutto presso la comunità montellese e medica Irpinia. Il noto medico avellinese era ricoverato all’Ospedale “Moscati” in terapia intensiva, dallo scorso 21 gennaio ed è
spirato questa mattina.

 

 

 

Continua a leggere
  847 Visite

L’ASL riattiva il Covid-residence di Montella

L’ASL riattiva il Covid-residence di Montella Nelle settimane scorse è pervenuta al Comune una nota con la quale l’Asl ha comunicato la sua intenzione di voler riattivare il Covid-residence di Montella , di cui, come è noto , la stessa Asl ha già l’uso , avendolo reso operativo e fruibile durante le precedenti ondate pandemiche .
La decisione di riattivare tutti i Covid-residence della provincia era stata anche resa nota, dall’Asl, agli organi di stampa, in considerazione dell’incremento esponenziale dei dati epidemiologici che vedono la provincia di Avellino fortemente colpita .
È una scelta che il Comune di Montella ritiene opportuna , considerato l’innegabile beneficio che tutto il territorio trae dalla presenza del Covid-residence a Montella
Il servizio offerto dall’Asl rimane , infatti , un aiuto fondamentale , anzi indispensabile per tutti quei cittadini colpiti dal Covid che non hanno la possibilità di isolarsi dal resto dei propri familiari durante la quarantena .
Il Covid residence di Montella può continuare ad offrire un servizio sanitario gratuito, efficiente ed efficace , nonché sicuro , ai pazienti Covid e le cure più adatte fino alla completa guarigione
Tanto premesso, anche al fine di evitare letture arbitrarie o in mala fede degli avvenimenti, diffuse strumentalmente al solo fine di creare nell’opinione pubblica “un caso “… non corrispondente alla realtà dei fatti , riteniamo che la decisione assunta dell’ASL sia quanto mai necessaria ai fini della tutela della salute pubblica in un momento in cui, di giorno in giorno, aumentano i contagi.
La tutela della salute pubblica rimane un obiettivo che tutti , ciascuno per la propria parte di competenza , dovremmo fare nostro e su cui responsabilmente convergere .
L’Amministrazione comunale di Montella

  506 Visite

ORDINANZA N. 08 DEL 16.01.2022 Comune di Montella

ORDINANZA N. 08 DEL 16.01.2022 ULTERIORI MISURE <<<<PER LA PREVENZIONE E GESTIONE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19. RIPRESA ATTIVITÀ DIDATTICHE IN PRESENZA 

>>>SCARICA L'ORDINANZA<<<

  371 Visite

Ex Campo prefabbricati "Schito"' - situazione di degrado ambientale.

Nell'ambito della propria attività sociale finalizzata alla tutela non solo dell'ambiente, ma anche della salute, ASA ha constatato con profonda preoccupazione che nell'ex Campo prefabbricati, località "Schito'', a seguito dell'intervento di smantellamento dei prefabbricati leggeri, l'area si presenta oggi in una condizione di degrado inaccettabile e pericolosa.

A farla breve, vergognosa.

Tale area, anche per la sua notevole estensione, risulta ormai trasformata in vera e propria discarica abusiva:
i residui di demolizione, le lastre di eterni! degradate, i cumuli di luridi materassi e masserizie varie, le montagne di sacchi di plastica colmi di non si sa cosa, i rimasugli di lane minerali deteriorate e di vetri frantumati e dispersi per tutta l'area, offrono uno scenario di rara indecenza.
A completare il quadro desolante non poteva mancare sinanche un cesso abbandonato di ceramica bianca a fare bella mostra di sé!

Pertanto, considerato che l'area:

-è estesa per circa ventimila metri quadri, ricadenti essenzialmente nel perimetro urbano;

Continua a leggere
  570 Visite

Scuole chiuse a Montella. Passaro: "L'ordinanza del sindaco va annullata"

Il gruppo Montella in Azione, attraverso la responsabile e consigliera comunale Rosalia Passaro, sollecita l’intervento del Sindaco di Montella e del Prefetto di Avellino in merito alla persistente chiusura delle scuole sul territorio di Montella. Il caso scuole chiuse in Irpinia attraversa alcuni comuni. Anche a Quadrelle e Sirignano i primi cittadini hanno deciso di chiudere i cancelli delle scuole, nonostante la sospensiva del Tar dell'ordinanza emanata la scorsa settimana dal Governatore De Luca.

"Il gruppo Montella in Azione rende noto di aver protocollato una richiesta di annullamento in via di autotutela dell’ordinanza del Sindaco di sospensione della didattica in presenza, indirizzandola anche al Prefetto di Avellino - spiega Passaro in una nota-.

L’importanza della didattica in presenza, per discenti, docenti e più in generale per la comunità scolastica, è questione fondamentale ed è necessario che la politica ne assicuri la continuità.

Le Istituzioni della Repubblica, per quanto di rispettiva competenza, sono tutte intervenute al fine di ribadire la necessità dell’espletamento della didattica in presenza, visto il valore Costituzionale dei diritti coinvolti.

In particolare lo ha fatto il Presidente del Consiglio dei Ministri nella conferenza stampa del 10.01.2022 che è stata interamente dedicata alla questione scolastica.

Continua a leggere
  540 Visite