booked.net

Redazione Montella.eu

Santa Messa in diretta della Vigilia di Natale

Montella.eu vi offre la Santa Messa della Vigilia di Natale  Presso Complesso Conventuale Chiesa di S. Francesco a Folloni Montella Preghiamo anche per il piccolo Michele  Riprese : Daniele Marano Regia di Vittorio Sica BUONE FESTE A TUTTI I SEGUACI DI MONTELLA.EU

  399 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Laurea Chieffo Simone

Congratulazioni a Simone Chieffo figlio di Francesco e Vernacchio Flora e al fratello Ilario per la laurea Magistrale in Scienze Motorie, Tecnica Didattica dello Sport. Raggiungendo questo traguardo nonostante i momenti difficili vissuti in famiglia dovuti al covid

  708 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Borsa di studio a Salvatore Ciociola di Montella per tesi di laurea sulle tematiche di genere

Nella Sala Grasso di Palazzo Caracciolo,si è svolta  la cerimonia di consegna della borsa di studio per tesi di laurea sulle tematiche di genere, promossa dalla Provincia e dalla consigliera di parità, Vincenza Luciano. La borsa di studio è stata vinta da Salvatore Ciociola. Premiata come seconda classificata la concorrente Chiara Urru.

All’iniziativa hanno partecipato il presidente Domenico Biancardi; i consiglieri provinciali Rosanna Repole, Caterina Lengua e Franco Di Cecilia; il presidente della Commissione che ha valutato gli elaborati, Paolo Ricci; la direttrice generale della Provincia, Monica Cinque; la consigliera di parità, Vincenza Luciano.

Il vincitore, che ottiene un premio di 2.000,00 euro, ha prodotto una tesi di laurea sulle tematiche di genere dal titolo: “Genere e mondo accademico: il caso dei direttori di dipartimento in Italia”.

  842 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Almanacco di Salvatore Malerba

Il Sindaco di Montella Dott. Rizieri Rino Buonopane, riceve copia dell'Almanacco dal Presidente cav. Salvatore Malerba   http://www.unimri.it/la-sezione-montella.html

  312 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

In ricordo dell’Avv. Diego Romaniello, di Massimo Savino

E’ passato ormai un mese dalla tragica scomparsa dell’amico Diego Romaniello, ma il suo ricordo resta ancora più vivo tra quanti lo hanno conosciuto e apprezzato.  In circostanze del genere ho sempre ritenuto di non esternare pubblicamente il mio dolore e la mia rabbia.
Ma in questo caso sento il bisogno di far conoscere chi era l’Amico Diego Romaniello e perché è stata una grande perdita per tutti.
Diego era un uomo, con la U maiuscola, in tutti i sensi.
Ragazzo educatissimo, altruista, sempre cortese e gentile con tutti, con una grande qualità che oggi purtroppo è molto rara, la capacità di ascoltare, non di sentire, ma di ascoltare tutti, per cercare di capire se poteva essere utile per dare una mano.
Professionista esemplare, preparato e soprattutto onesto con gli altri e con se stesso. Spesso la sua professione di avvocato lo portava a scegliere tra la deontologia professionale e lo spregiudicato guadagno, lui non aveva dubbi, sceglieva sempre di comportarsi da vero signore.
Se penso al suo attaccamento per la sua famiglia non posso che emozionarmi. Non passava un giorno che non mi raccontava un aneddoto sui suoi figli, sua moglie, sua madre, sua sorella. Gli brillavano gli occhi per l’amore che lui nutriva per i suoi cari e che i suoi nutrivano per lui.
Un solo pensiero lo rattristava, il ricordo di suo padre Renato. Verso di lui aveva una grande ammirazione e un profondo ricordo di amore e affetto. Ma la tristezza durava poco, veniva subito sostituita dall’altro Renato, che riempiva, insieme agli altri due figli, il suo cuore di gioia e di amore.
Un uomo di 37 anni con valori antichi, che sono difficili da trovare, ma che sono quelli che mantengono sane le nostre comunità. Rispetto totale per l’amicizia, valore fondante del suo modo di comportarsi, grande lavoratore, amante delle antiche tradizioni, confrate esemplare, appassionato delle nostre montagne, orgoglioso di essere Montellese.
Negli ultimi tempi avevamo stretto, nonostante eravamo di due generazioni diverse, un rapporto di grande amicizia e stima, che nel tempo si era trasformato in profondo affetto.
Un forte abbraccio a tutti i suoi cari, con la certezza che il suo ricordo resterà indelebile nelle nostre menti e nei nostri cuori e con la ragionevole speranza che i suoi figli, saranno un pò figli di quanti gli hanno voluto bene.
CIAO DIEGO
Montella lì 14 Dicembre 2020 MASSIMO SAVINO

 

 

 

  1736 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Anniversario della morte della Serva di Dio Suor Bernardetta

Oggi 12 dicembre è l'anniversario della morte della Serva di Dio Suor Bernardetta, nostra consorella, entra nel sito https://youtube.com/c/HermanasPobresBonaerensesdeSanJos%C3%A9 per partecipare direttamente al Rosaro, S. Messa, e un breve video della sua vita. Saluti cari Suor Colomba

  436 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Il presepe di Roberto Moscariello

Il periodo natalizio è da sempre uno dei più attesi dell’anno, e porta con sé numerose tradizioni ed usanze. Una di queste è sicuramente quella del presepe realizzato in casa e della loro costruzione artigianale e come l'anno scorso  Roberto Moscariello , ha realizato un presepe fantasico dopo un mese di lavoro ha realizato veramente un luogo bellissimo amato da tutti i montelesi e non solo.

Realizato con Polistirene, stuccatura in gesso e colorato con tempera, l’effetto acqua con resina epossidica, tempo circa 1 mese, mediamente 2-3 ore al giorno.
Roberto.  Vedi il filmato >>>>> https://fb.watch/2jgAw_pcl_/

 

  769 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Un gigante dai piedi d'argilla di Peppino Volpe

Il sistema sanitario nazionale garantisce a tutti i cittadini il diritto alla salute  senza distinzione di condizioni ndividuali,sociali ed economiche. Tutti i cittadini  hanno la possibilità di essere curati dalla più insignificante patologia fino ai grandi interventi in tutti gli ospedali d'Italia senza esborso di denaro. Questo modello sanitario ci è sempre stato invidiato da molti stati democratici (USA in  primis). L'emergenza Covid ha messo,però, in evidenza anche grosse criticità del suddetto modello.
Negli ultimi anni,infatti, i vari ministri della sanità che si sono avvicendati hanno investito molto sui grandi ospedali e cliniche private (modello Lombardo), trascurando la medicina del territorio. In pratica hanno costruito un gigante dai
piedi d'argilla che alla prima spallata ricevuta da un agente microscopico è caduto inesorabilmente. D'altronde,è risaputo che i palazzi devono essere costruiti su terreni stabili ed avere solide fondamenta .
I medici di famiglia in Italia sono circa 43000 e si prevede che per il 2023 circa  16000 andranno in pensione e non saranno facilmente sostituiti dai giovani laureati che preferiscono la specialistica in quanto non più attratti dalla medicina generale.
Il medico di famiglia in passato era una figura importante nel tessuto sociale per la funzione polivalente ed istruttiva al di là dei compiti specifici ed era infatti, un punto di riferimento per intere famiglie, un amico ,un confidente oltre ad essere
un internista, un ginecologo, un ortopedico e quant'altro. Nel corso degli anni, il suo ruolo è cambiato profondamente anche perché è cambiata sicuramente la società,la famiglia,il rispetto verso i professionisti in genere e dei medici in
particolare e l'avvento della prestigiosa Google University è stato devastante in questo senso. E' una società imbarbarita e che,grazie ai programmi spazzatura che vanno in onda quotidianamente,prende a modello la vita di quei cafoni
palestrati del Grande Fratello o il lato B della Belen e non si accorge dei nostri giovani brillanti laureati che devono andare all'estero per essere apprezzati e premiati.
Oggi al medico di medicina generale viene chiesto di essere un bravo informatico (i dati devono essere inviati su decine di piattaforme),un ottimo ragioniere (deve controllare costantemente la spesa sanitaria) ed ultimamente gli viene chiesto anche di giocare al piccolo chimico con i test rapidi sierologici da somministrare al personale scolastico.
In pratica hanno assemblato un nuovo Frankenstein che , come nel film, è stato creato contro la sua volontà per mettere paura non solo all'umanità ma anche a se stesso.
Durante la prima ondata pandemica ,i medici di medicina generale sono stati scaraventati a mani nude e senza i dpi contro questo maledetto virus , come le truppe di un tempo sbeffeggiate e derise, talvolta, dagli stessi generali che li spingevano al macello. In guerra, è risaputo,muoiono i soldati e non i generali!!! Solo dopo si sono resi conto dell'importanza che la medicina di base poteva rivestire come filtro e tutti si sono riempiti la bocca per riorganizzare al meglio la medicina territoriale.

Al momento l'unica cosa evidente che è cambiata in maniera grottesca è il carico burocratico che è diventato veramente da guinness dei primati. I nostri studi sono stati trasformati in certificatifici ed il fonendoscopio sta diventando ,sempre di più ,un oggetto da arredo. Non mi meraviglierei se con il prossimo dpcm si obbligassero i cittadini di munirsi di un certificato
medico di sana e robusta costituzione fisica e psichica anche per entrare nei bagni pubblici !!!
Ma nonostante tutto penso che il medico di famiglia in questa pandemia debba recitare un ruolo da protagonista e non fare la semplice comparsa perché credo che nessuna altra figura professionale conosca meglio la condizione sociosanitaria
del territorio sotto tutti gli aspetti e potrebbe controllare i microfenomeni casa per casa,individuo per individuo,famiglia per famiglia e soprattutto individuare chi sono i pazienti fragili e che , pertanto, necessitano di maggiori attenzioni.
Siamo anche lieti di contribuire a rafforzare le attività di prevenzione e ben vengano i test rapidi antigenici che i medici di medicina generale dovrebbero somministrare obbligatoriamente,sperando però che sia il medico stesso a decidere a chi somministrarli secondo scienza e coscienza(contatti stretti) e non gli venga imposto dall'alto senza un minimo di criterio ,altrimenti, almeno per quanto mi riguarda, restituirò i “bastoncini” al mittente con il consiglio di farne l'uso che meglio crede.
Mi viene in mente la frase storica di Francesco di Valois che, fatto prigioniero dopo aver perduto la battaglia di Pavia nel 1525 ad opera di Carlo V, scrisse alla madre Luisa di Savoia : ” Tutto è perduto fuorché l'onore e la vita che è salva”.
Le stesse cose speriamo di portare in salvo noi medici oltre, nei limiti del possibile, alla vita di qualche paziente.
Spero che al più presto si faccia la tanto decantata riforma della medicina territoriale, si tolga il medico di medicina generale dall'isolamento nel quale è stato confinato e lo si inserisca al centro di un team multidisciplinare che
comprenda personale di studio, infermieri, fisioterapisti, medici di guardia medica e del 118, specialisti ambulatoriali, personale Asl e per ultimo, ma non per importanza, anche il volontariato. E' fondamentale,inoltre, un dialogo digitale
costante con l'ospedale soprattutto grazie alla telemedicina e bisogna ridare i ricettari agli specialisti (come succede in quasi tutte le regioni),in quanto è  disumano per i pazienti che dopo un ciclo di chemio o radioterapia debbano fare
la fila di ore nei nostri studi per avere la copia delle prescrizioni specialistiche.
Devono viaggiare le informazioni e non i pazienti che non sono delle palline da flipper fatte rimbalzare dal personale amministrativo (per le prenotazioni) ai medici e viceversa prima di entrare in buca o di mandare tutto in tilt. Sarebbe
utile ridurre il massimale dei medici e soprattutto eliminare tutta una serie di attività burocratiche elefantiache che non hanno nessuna utilità sanitaria ma rappresentano solo una perdita di tempo per i medici, per gli impiegati asl e per i
pazienti. Le code che si formano dalle 7 del mattino davanti agli uffici dell'asl quando si devono rinnovare i ticket sanitari sono degne della Repubblica delle banane. Vi sono piu' di cento esenzioni ticket (reddito-invalidità-infortuniogravidanza-
patologie- malattie rare-prevenzione ecc ecc) che creano solo confusione e secondo me, sarebbe necessaria una bella sforbiciata facendo pagare un minimo a tutti rispettando, però, l'art. 32 della Costituzione che afferma: "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”
Non mi resta che augurare buone feste a tutti ,sperando che babbo natale sotto l'albero ci faccia trovare un valido e sicuro vaccino anticovid che ci liberi per sempre da queste fastidiose mascherine e permetta ,finalmente, di farci riabbracciare nei momenti felici, di riportare gli studenti tra i banchi di scuola (anche senza rotelle), di dare la possibilità alle partite iva di alzare una volta e per sempre le saracinesche e di far vivere in serenità gli anziani che hanno pagato il prezzo più alto di questa pandemia.
Ed in ultimo, caro babbo natale, ti chiedo in dono un desiderio personale e, sono sicuro che non puoi dirmi di no, che è quello di ridare al lavoro più bello del mondo la dignità che merita. 

Peppino Volpe

  1714 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Messa in diretta dalla chiesa madre l'8 dicembre ore 18.00

Martedì 8 dicembre Solennità dell'Immacolata Concezione Trasmetteremo la messa delle ore 18 Celebrata nella collegiata di Santa Maria del Piano (Chiesa Madre)  Il collegamento avverrà qualche minuto prima Le altre celebrazioni alle ore  6.30 (la chiesa sarà aperta dalle 5.45) 8.30 -- 11.00  Rispettare sempre le norme di contenimento della pandemia di COVID-19: Evitare assembramenti in chiesa  Sedersi solo dove indicato  Mantenere sempre la distanza di sicurezza
Ricevere la comunione solo in mano  É VIETATO TOCCARE LE STATUE  "Dica ognun che sia lodata la regina del cielo: l'Immacolata

  555 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Come eravamo

COME ERAVAMO....................................................................................
Li riconoscete ? Montellesi  nel 1972 
  
  



 

 

 

 

  1168 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Laurea Alfonso Gramaglia

Augurissimi dalla redazione di montella.eu a Giuseppe e Loredana per la prestigiosa laurea conseguita dal figlio Alfonso

  921 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Il Sindaco di Montella ha portato gli auguri a Virgilio Bruni per i suoi 100 anni

Oggi ho avuto l’onore e il piacere di portare gli auguri della Amministrazione , ad nostro concittadino che festeggiava un compleanno speciale, 💯 anni. Vi confesso che è stata una vera emozione chiacchierare con una persona straordinaria come Virgilio Bruni. Una persona di una sensibilità unica. Dopo aver brindato e prima di salutarmi mi ha detto una cosa dolcissima: “ mia moglie ed io siamo sposati da 75 anni ma i sentimenti ci sono sempre”. Ancora tanti auguri caro #Virgilio per i traguardi raggiunti accanto alla tua #Annunziata. Ti aspetto presto in Comune come mi hai promesso.

  981 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Comunicato del Comune di Montella del 2 dicembre 2020

Il Comume di Montella e particolarmente onorato di comunicare che domani giovedì 3 dicembre sarà inaugurato e reso attivo il "Covid Residence " , attiguo al Convento di San Francesco a Folloni di Montella. Frutto di una collaborazione tra l'Amministrazione Comunale di Montella, l’ASL di Avellino e l'Ordine dei Frati Minori Conventuali, è la prima struttura in Irpinia adaccogliere pazienti autoefficienti COVID positivi, asintomatici e/o clinicamente guariti e pazienti positivi che, per condizioni socio abitative, non hanno la possibilità di permanere4 a domicilio durante il periodo di isolamento in Sicurezza.
Un sentito ringraziamento del Comune di Montella allìASL di Avellino e ai Frati Minori Conventuali di San Francesco aFolloni per ilm risultato raggiunto , che concretamente fronteggia l'emergenza sanitaria in corso.

  320 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Covid, la Commissione internazionale per i diritti umani premia lo scienziato Ascierto e 4 medici irpini

Comportamenti spontanei e solidali, impegno professionale a favore delle popolazioni e del territorio ma anche impegno nella ricerca scientifica nel periodo della lotta al Covid 19. Sono questi gli identikit dei quattro medici, a cui sarà conferito un “Attestato di Apprezzamento” dalla IHRC International Human Right Commission che si pone diversi obiettivi tra cui: proteggere la vita, rispettare i diritti umani e ripristinare la dignità, organizzare aiuti umanitari, organizzare assistenza alle minoranze e fornire attività di volontariato. L’attestazione di valore internazionale concessa dalla Commissione internazionale per i Diritti Umani va a premiare e dare risalto in questo caso, a medici e personale che in modo ininterrotto si è prodigato per chi ne avesse bisogno se pure nelle specifiche competenze professionali. Tra i nomi dei professionisti figurano lo scienziato napoletano Paolo Ascierto Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto dei Tumori Pascale di Napoli considerato dalla testata Expertscape il miglior oncologo al mondo essendo uno dei maggiori esperti internazionali di immunoterapia dei tumori, ma noto anche per l’intuizione di utilizzare un farmaco anti-artrite per curare i pazienti affetti da Coronavirus. Il secondo medico è Silvestro Volpe (AV) Direttore Unità Operativa di Medicina Trafusionale Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino diretto dal dottore Renato Pizzuti, tra i Dipartimenti ospedalieri in Campania ad attivare la banca data del plasma iperimmune utile per evitare complicanze ai pazienti gravi affetti da Covid 19. Attestato di apprezzamento anche per Michele Caraglia Responabile del laboratorio Covid del Centro ricerche Biogem di Ariano irpino presieduto da Ortensio Zecchino, per aver approfondito e sperimentato un nuovo tampone rapido di elevata attendibilità. A seguire premiati anche due medici attualmente in “trincea”: Aldo D’Andrea medico in pensione, già dirigente medico presso l’Unità di Chirurgia dell’Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino, che è ritornato volontariamente in servizio presso il Reparto Covid di Avellino per portare assistenza ai malati Covid. Il quarto medico è Stefano La Verde medico di base ad Avellino, che personalmente ed in maniera continuativa, ha monitorato in maniera esemplare, diversi pazienti affetti da Covid situati presso il proprio domicilio, riuscendo ad intuire la giusta terapia, il controllo e monitoraggio di numerosi pazienti ed evitando in tal modo di far congestionare le strutture ospedaliere a beneficio dei malati più gravi. Gli attestati firmati dal Segretario Generale IHRC Rafal Marcin Wasik e dal Coordinatore per la Repubblica Italiana Pietro Sicurelli saranno consegnati direttamente ai quattro professionisti da Salvatore Pignataro, Commissario IHRC e Coordinatore nazionale dell’Osservatorio nazionale per la Violenza sulle Donne, Giovani e Bambini. “Ritengo sia molto importante per l’Irpinia e per l’intera regione Campania essere stati considerati a livello nazionale e internazionale dalla Commissione Internazionale per i Diritti Umani con il riconoscimento di quattro noti professionisti. La possibilità di conferire tali riconoscimenti a seguito della pandemia Covid 19 da parte degli organi direttivi della IHRC testimonia la grande attenzione per la tutela della salvaguardia dei diritti umani. Essendo irpino – spiega il Commissario IHRC Pignataro – ho voluto evidenziare ai vertici nazionali e internazionali, l’impegno dei medici e ricercatori premiati. Naturalmente un pensiero speciale a tutti gli operatori sanitari che ogni giorno, si prodigano con scienza e coscienza alla cura dei malati Covid”.

  1121 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Il nostro #25Novembre 2020 Ginestra Montella

Quest’ anno in occasione del #25Novembre2020  #GiornataInternazionaleControlaViolenzasulleDonneesulleBambine
vogliamo accendere i riflettori sulla piaga del #revengeporn , la diffusione illecita di immagini o di video sessualmente espliciti 
I casi denunciati sono stati quest’anno 718, senza considerare il dato sommerso ancora troppo alto perche’ la paura alla denuncia risulta essere ancora troppo dura da vincere .
Le vittime sono per l’81 per cento di sesso femminile, per lo piu’ ragazze, che o si “fidano troppo “ del partner per ingenuità o perche’ pensano di essere sempre in grado di gestire una situazione.
Comunque sia le vittime sia i carnefici del #revengeporn sono giovanissimi e spesso minorenni
E’ l’unico reato a essere aumentato nei mesi di lockdown, durante i quali migliaia di donne si sono trovate chiuse in casa, prigioniere dei loro aguzzini.
Il #Codicerosso, la legge che ha introdotto modifiche rilevanti al codice a tutela delle vittime di violenza domestica o di genere, è uno strumento ancora troppo poco utilizzato.
Come #ginestra #associazionefemminilesenzascopodilucro intendiamo impegnarci sul fronte della #cultura e della #formazione per accrescere, nelle giovani generazioni la conoscenza del fenomeno e la consapevolezza di come difendersi.
Sempre in collaborazione con la #scuola e con gli #entilocali .

Presidente onoraria di Ginestra Anna Dello Buono

  449 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Laurea Carlo Fierro

Congratulazioni a Sandro Fierro  e Belisaria Cincotti per la laure del figlio Carlo per il conseguimento presso la LUISS della laurea magistrale in Economia Impresa e Management 

  825 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

IL 23 novembre 2020, l’Amministrazione Comunale , ricorda le vittime del terremoto del 1980,

AIl 23 novembre 2020, DIRETTA STREAMING SU Facebook montella.eu e su www.montella.eu l’Amministrazione Comunale , ha ricordato  le vittime del terremoto del 1980, deponendo una corona di alloro sotto la lapide presente nella piazza del Comune. Alla cerimonia, organizzata in maniera ristretta a causa della emergenza Covid, ha partecipato  una delegazione dell’Arma dei Carabinieri di Montella e i rappresentanti delle Associazioni di Volontariato. Un atto dovuto e sentito per tenere vivo il ricordo di chi purtroppo perse la vita in quel tragico evento e a cui , sono sicuro, hanno parteciperà idealmente l’intera comunità montellese.

  678 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Sostieni l'economia locale

L’economia locale, come quella nazionale ed internazionale, sta attraversando una fase delicata, una crisi ancor resa più grave dalle restrizioni legate all’emergenza Covid-19.  L’Amministrazione Comunale intende manifestare la propria vicinanza agli imprenditori ed ai commercianti di Montella, fortemente segnati da questa pandemia. Invitiamo pertanto, i nostri concittadini a contribuire al sostegno dell’economia del nostro territorio con una semplice azione: comprare negli esercizi di vicinato. Limitiamo gli acquisti online, in favore del piccolo commercio locale, che rappresenta l’anima di un’intera comunità e lavora ed investe ogni giorno in questo comune.
L’Amministrazione Comunale invita i cittadini a servirsi degli abituali ristoranti, bar e pizzerie del paese, nonché delle altre attività commerciali del territorio, soprattutto durante le prossime Festività Natalizie, chiedendo la consegna a domicilio o l’asporto.
Siamo convinti che , anche grazie al nostro senso di cittadinanza e di solidarietà che sempre sa manifestarsi nei momenti difficili, potremo in questo modo permettere a tante realtà di sopravvivere e superare questa fase delicata.
                                                                                              L’Amministrazione Comunale

  432 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Misericordia Montella..Avviso importante

Per l’assistenza alla popolazione più fragile, oppure se hai parenti i difficoltà e non puoi uscire per motivi di salute e non hai nessuno che ti possa aiutare , puoi rivolgerti alla Misericordia di Montella per la consegna di beni di prima necessità , spesa e consegna farmaci .

𝗧𝗲𝗹. 𝟬𝟴𝟮𝟳 𝟲𝟵𝟬𝟳𝟳    𝗖𝗲𝗹𝗹. 𝟯𝟯𝟰 𝟱𝟳𝟵𝟵𝟳𝟮𝟲

Continua a leggere
  274 Visite
  0 Commenti
Redazione Montella.eu

Campania zona rossa : Nota dell'Arcivescovo Pasquale Cascio

Carissimi Confratelli, vi comunico quanto segue: l’ultimo decreto governativo che porta la Campania nella zona rossa ha dei risvolti di restrizione nella vita sociale e civile. In questo provvedimento le celebrazioni liturgiche non sono chiamate direttamente in causa, ma, considerate le restrizioni negli spostamenti all’interno del Comune, il fedele, su richiesta dell’ Autorità di Ordine Pubblico, deve presentare autocertificazione per lo spostamento dall’ abitazione al luogo di culto. Sicuramente questa norma creerà un certo disagio, pertanto siamo chiamati a collaborare, anche in questo modo, alla lotta contro la diffusione del virus ( vi allego un modulo da poter far usare ai fedeli )…
In questa nuova condizione anche le celebrazioni esequiali, pur rimanendo invariate, subiranno in qualche modo un restringimento nella partecipazione dei fedeli. In caso di morte accertata per covid non si possono celebrare i funerali in Chiesa. È possibile la benedizione della tomba a tumulazione avvenuta con la presenza dei soli familiari…
Infine si comprende come è difficile qualsiasi programmazione di catechesi in presenza. Nell’eventuale partecipazione dei ragazzi alla messa domenicale, l’omelia tenga conto del risvolto formativo; chi può crei dei contatti mediatici per tenere vivo il rapporto dei ragazzi, giovani e famiglie con la Comunità Parrocchiale. Sul sito diocesano dell’Ufficio Catechistico si può trovare del materiale per i Catechisti.
Raccomando di essere scrupolosi nell’osservanza delle norme!
Cooperiamo fattivamente e con il buon esempio in questa lotta per la salute e il bene dei nostri fratelli.
Il Signore vi benedica! + Pasquale, arcivescovo
  606 Visite
  0 Commenti