booked.net

Offerta di lavoro : cerco camionisti

Cerchiamo autisti per autobitoniera trasporto calcestruzzo a Firenze città, Genova Città, Milano nord-est (zona Rho – Settimo Milanese – Busto Arsizio ) Lodi. Si richiede patente C+CQC + Carta Tagrigrafica .Disponibili anche alla loro formazione. Importante che risiedano nei posti dove richiesto. A Firenze cerchiamo anche autisti operatori pompisti per pompa calcestruzzo.

PER CONTATTI 335 5733259

  564 Visite

Ricordi di Carmela Marano - La mia migrazione da Montella in Toscana

L'otto dicembre 1956, con tutta la mia famiglia ci siamo trasferiti come emigranti, in un comune della Toscana, Lastra a Signa in provincia di Firenze. Le condizioni di vita, per tutta la nostra famiglia a Montella non erano più accettabili, per l'impossibilità di non poter mandare avanti con profitto e nel migliore dei modi i vari appezzamenti di terreno dislocati in dodici zone diverse, quasi tutte distanti dal paese dove abitavamo.

Per la famiglia composta come descritto nel precedente racconto, dai genitori e da otto figli, due maschi e sei femmine, per la mancanza di lavoro in paese, ma anche nei comuni vicini e l'impossibilità di impiegare le sei ragazze nell'attività agricola, non rimase altra scelta che quella di andare via da Montella, o all'estero, in quel periodo molti paesani e paesane emigravano chi in Svizzera, chi negli Stati Uniti, chi in Belgio, chi in Sud America, chi in Francia, noi scegliemmo di rimanere in Italia. Avevamo parenti che si erano trasferiti in Toscana, dove si sapeva che, in modo particolare per noi ragazze esistevano varie possibilità di lavoro nell'industrie tipiche di quella regione. Si trovava da lavorare nel settore della maglieria, della ceramica, delle confezioni in genere compresa quella dei cappelli di paglia. Tutte attività adatte alla manodopera femminile.


Fu un grande cambiamento di vita per tutti noi, in particolare per mio padre già avanti con gli anni, abituato al lavoro agricolo nei campi e nei castagneti, cercò, per cominciare, un ambiente per così dire simile a quello che lasciava, acquistando un piccolo podere, con al centro una casa colonica, in un borgo di campagna dove abitavano altre cinque famiglie. Eravamo distanti dal centro del paese e per i pochi mezzi di trasporto allora esistenti, era un problema anche fare la spesa o approvigionarsi anche di qualcosa di necessario per la casa, ricordo di aver fatto diversi chilometri a piedi su la strada sterrata per raggiungere la prima bottega dove acquistai un flacone di varichina. Dopo qualche anno, per avvicinarsi ai servizi e al lavoro ci trasferimmo in paese, avevamo, in comune con una famiglia locale una lunga terrazza sovrastante le mura antiche del paese, questi vicini quando seppero che accanto alla loro abitazione arrivava una famiglia di "napoletani" così venivano chiamati tutti i meridionali, costruirono subito un muretto di separazione sulla terrazza, forse perché non conoscendoci avevano timore anche ad avvicinarsi.

Comunque quel muretto, dopo poco tempo venne demolito e finirono tutti i timori nei nostri confronti. Al dispiacere di aver lasciato il paese natio si aggiungevano le difficoltà incontrate dal fatto che in quel periodo per i toscani tutti quelli che provenivano dal sud, erano considerati poco graditi, per le solite paure che oggi riguardano l'ingresso nella nostra comunità dei migranti odierni, africani, albanesi, romeni, e tutti quelli che abbandonano i loro paesi per le guerre, le carestie, la fame, per ragioni economiche o perché perseguitati per ragioni politiche. In Toscana si diceva spesso "era meglio se a Roma avessero costriuto un muro" come i muri che oggi si costruiscono in diversi paesi cosiddetti civili del mondo. Ormai sono passati tanti anni, e le differenze, di modi di fare avvolte molto diverse dalle nostre, sono per me diventate normali, tanto che anch'io mi comporto come la gente di queste zone si comporta. Qui, anche in piccoli paesi, si vive come in un grande condominio di città, si esce, ci si incontra, a malapena ci salutiamo, ma non ci conosciamo e manca quella socialità solidale, che a Montella e specialmente nel mio rione, a Sorbo, era sempre esistita fra vicini di casa, sempre pronti a dare un aiuto concreto quando qualcuno si trovava in difficoltà.

Trascorsi alcuni anni con tutta la famiglia nel piccolo podere mi interessai a trovare un lavoro che potesse darmi un minimo di indipendenza economica. A Montella avevamo venduto la casa di nostra proprietà, i vari appezzamenti di terreno e nientaltro, una parte dei soldi servirono per riacquistare casa a Lastra a Signa e parte di quelle somme le spendemmo come investimento per lavorare, acquistando io e le mie sorelle, delle macchine da maglieria. Trovammo in paese delle donne disposte e insegnarci come con quelle macchine potevamo tessere anche modellandoli i teli che poi assemblati divenivano delle bellissime maglie. Con molta apprensione, per l'investimento fatto, in poco tempo, guadagnando pochissimo imparai il mestiere, e divenni una esperta "magliaia", si trattava a questo punto di ritirarmi a casa con la mia nuova macchina per iniziare a lavorare in proprio, cioè conto terzi per i numerosissimi maglifici già esistenti in zona. Non c'era allora un sistema di lavorazione a domicilio regolamentato, e se esistevano delle regole non venivano applicate, anche perché riuscivo a lavorare contemporaneamente a più maglifici, e questo particolare mi ha penalizzato molto al momento dei calcoli per andare in pensione. Intanto il tempo passava, e le ore dedicate alla maglieria, erano diventate esagerate, il lavoro era abbondante, e mi dava, tutto quello che avevo sognato quando ero partita da Montella.

Continua a leggere
  924 Visite

Un montellese da ricordare di Lorenzo Granese

Mario Giannone (Montella, 10 aprile 1910 – Napoli, 24 maggio 1989) è stato un presbitero, scrittore e militare italiano.
Biografia
Padre Mario Giannone fu ordinato sacerdote nell'anno 1934. Laureatosi in Lettere diventò professore nel Liceo Filosofico dei Vocazionisti di Napoli insegnando Italiano e Latino.
Si arruolò volontario quale tenente cappellano militare degli alpini della Julia partecipando alle campagne militari della Seconda guerra mondiale, prima in Grecia e successivamente in Russia con la 303ª Sezione di Sanità ove fu fatto prigioniero nella famosa battaglia del Don nel 1943. Ritornando in patria solo nel lontano 19 luglio 1946 dopo avverse vicissitudini, che trascrisse nel suo libro La tentazione di un prete, fu nominato cappellano del Mausoleo di Posillipo (NA).
Per il suo impegno in Russia tra i prigionieri italiani fu decorato con la Medaglia di Guerra al Valor militare nonché Cavaliere dell'ordine della Repubblica Italiana.
Morì a Napoli nel 1989.

La tentazione di un prete
• 1987.
La campagna di Russia sul fronte del Don vide come protagoniste ben undici divisioni italiane – il cosiddetto «Armir» 1942/1943.
Più di duecento mila uomini tutti schierati sul fiume Don dopo la travolgente avanzata dei primi mesi di guerra, che vide i tedeschi vicino a Mosca al centro, e vicino a Leningrado a Nord, e attorno a Stalingrado a Sud.
Al centro di questo schieramento c'era «l'Armir», attestata su tutta la sponda occidentale del Don. Alla nostra sinistra, sullo stesso fronte, c'era l'Armata ungherese e, alla nostra destra, l'Armata Rumena. Contro tutto questo fronte si scatenò in dicembre 1942 l'offensiva preponderante delle Armate Russe.

  861 Visite

Laurea Maria Concetta Santoro

Congratulazioni a Maria Concetta Santoro, figlia di Salvatore e di Agnese Volpe , laureata in Scienze della formazione primaria presso l'Università di Salerno. Tesi : "La valenza pedagogica della narrazione fantasy e sviluppo del genere da Oriente a Occidente"

  894 Visite

Marcello De Marco al Teatro delle Vittorie nel 1995

Roma 1995 - Teatro delle Vittorie - La trasmissione era : "Pomeriggio di festa" con Marisa LAURITO ed Alberto CASTAGNA. L' artista è il montellese Marcello De Marco

  785 Visite

Laurea Sara Palatucci

Congratulazioni a Sara Palatucci e ai suoi  genitori Scipione e Maria Grazia e alla sorella Ada per ll conseguimento della laurea Magistrale in " Scienze degli Alimenti e della Nutrizione umana" con 110/110 e lode , presso l'Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli.

  853 Visite

Una “Magnus opera” nel mio piccolo paese di Giuseppina Fioravanti

Il 24 giugno 2021 è stata inaugurata la mostra "Nigredo, Albedo e Rubedo", ispirata alla Commedia dantesca, nel complesso monumentale di Santa Maria della Neve, a Montella. E' realizzata dall’artista Enrico Mazzone. Pur non avendo ancora studiato Dante, sono rimasta colpita e affascinata dalla grandiosa opera che ho avuto il piacere di visitare. Grazie all’artista che ha avuto la grande pazienza di tradurre la Divina Commedia in disegno. Nell’arco di 5 anni, Enrico Mazzone è riuscito a realizzare un'opera immensa, utilizzando un rotolo da disegno della lunghezza di 97 metri, oltre 6000 matite e 3 quintali di carta, usando esclusivamente la tecnica del puntinismo. Grazie ai ragazzi del Forum Giovani di Montella, ho potuto visitare la mostra e ascoltare le loro spiegazioni. Le tavole dei disegni sono distribuite lungo tutto il percorso del monastero e finisce con il lungo rotolo disteso per terra nella chiesa. A me quei disegni all'inizio sembravano un po' inquietanti perché rappresentavano scene paurose e anche perché c’era una musica di sottofondo che incuteva un po' di timore. Alcuni disegni non sono stati terminati, però sono stati lo stesso messi in mostra.

L’artista li ha lasciati incompiuti, secondo me, per mancanza di voglia e per il desiderio di andare avanti e completare l'opera. Quando si arriva in chiesa, ci troviamo davanti, disteso sul pavimento e avvolto come una grande pergamena, il rotolo di 97 metri. Per posizionarlo sono stati tolti tutti i banchi dalla chiesa e posizionate delle luci rosse e blu. Sulla prima parte del rotolo che viene mostrata a noi spettatori, si può vedere il viso dell’artista. Il ragazzo del Forum Giovani ci ha spiegato che l’artista avrebbe voluto che la sua opera fosse esposta in modo circolare invece che distesa. Però per fare questo, ci voleva troppo spazio. Per poterla vedere tutta, verrà srotolato 10 metri ogni settimana. Grazie al Comune di Montella e all’Arciconfraternita SS.Sacramento che hanno organizzato tutto questo, fino al 1 agosto la mostra sarà accompagnata da altri eventi tra letture di opere, convegni, concerti musicali e osservazioni astronomiche. Consiglio a tutti di partecipare a questo evento unico. Ne vale davvero la pena.

Giuseppina Fioravanti classe II^ D

  603 Visite

Il nostro tesoro più grande di Giuseppina Fioravanti, classe ID

Sapete qual è la ricchezza più grande che abbiamo noi piccoli? Ebbene sì, sono i nonni! C'è un proverbio che dice "Chi trova un'amico trova un tesoro”. Invece noi il vero tesoro lo troviamo nei nostri cari nonni. Vivere con i nonni è bellissimo. Io ho la fortuna di abitare con la mia nonna paterna che è dolcissima e comprensiva. I nonni sono importanti nella vita. Sono esseri speciali. Il poeta Alex Haley ha scritto: “Nessuno può fare per i bambini quel che fanno i nonni, essi spargono polvere di stelle sulla vita dei più piccoli”. Queste parole mi piacciano molto, perché spiegano alla perfezione quello che sono i nonni, almeno per me. Sono il filo che ci unisce al passato, che è necessario sapere e ricordare per capire meglio il nostro presente. La saggezza dei nostri nonni è una ricchezza da tenere sempre vicino a noi. Hanno vissuto migliaia di situazioni brutte, di problemi e di gioie, molte più di quelle che abbiamo vissuto noi. Hanno tanti i consigli da darci, anche se pensiamo che siano antichi, sono i migliori consigli del mondo. I nonni e le nonne hanno molte storie da raccontarci, le loro storie sono le migliori, divertenti e alcune volte anche tristi. Se non ci fossero i nonni, bisognerebbe inventarli. Spesso ci capita di affrontare situazioni difficili e di andare a confidarci con i nostri cari nonni. Loro sanno sempre come aiutarci e come tirarci su il morale. I nonni sono il vizio in persona, sanno sempre come viziare i propri nipoti. Mia nonna materna sa sempre come viziarmi in tutti i modi. I nonni sono sempre lì pronti ad aiutarci, è molto bello sapere che in qualsiasi momento di tristezza ci sono sempre i tuoi nonni a fianco per aiutarti. I nonni ci hanno visto fare tutto, insieme ai nostri genitori: ci hanno visti cadere, hanno asciugato le nostre prime lacrime, hanno curato il nostro primo ginocchio sbucciato... Ci hanno insegnato la filastrocca per il primo dentino caduto. Ci conoscono a fondo come le loro tasche. Si accorgono subito se c'è qualcosa che non va. Quando io sto male c'è sempre mia nonna paterna a farmi passare la febbre oppure a farmi le tisane calde come solo lei sa fare, la sua camomilla è buonissima per farmi passare il mal di gola, di nascosto ci mette il miele perché sa che a me non piace. Io ho la fortuna di avere due nonne, ma ho la sfortuna di non aver conosciuto il mio nonno paterno e di aver visto morire il mio nonno materno troppo presto. La cosa più triste che gira nella mente dei nonni è che sanno che saranno per primi a lasciarci. Quando vado da mia nonna lei fa un sorrisone che mi riscalda subito il cuore. La cosa che in questo momento ci rattrista di più è di non poter andare dai nostri nonni liberamente come facevamo prima e dargli un bacio e un grandissimo abbraccio per colpa di questo cattivo Covid-19. Mia nonna materna mi racconta sempre che quando era bambina consegnava sempre il latte ai vicini di casa perché prima di andare a scuola era questo il suo compito. Invece, mia nonna paterna mi racconta sempre che quando era più piccola andava in montagna a fare la legna per aiutare la famiglia. La nostra fortuna più grande è di avere sempre qualcuno vicino a noi: i NONNI.

Giuseppina Fioravanti, classe ID

  809 Visite

Venerdi' 15 ottobre 2021 alle ore 18.00 diretta streaming dalla Chiesa Madre, S.Maria del Piano.

Adele Sesso nacque a Montella, Italia, il giorno 15 di ottobre del 1918, in una famiglia povera e in una società che soffriva la devastazione della prima guerra mondiale. Da giovane ebbe desiderio di entrare nella Congregazione delle Vocazioniste, fondata dal Beato Giustino Maria Russolino sdv (1891-1955), fondatore dei Padri e delle Suore Vocazioniste; però come già vi era entrata una delle sue sorelle, non poté entrarvi lei. Allora conobbe la Congregazione delle Suore Povere Bonaerensi di San Giuseppe con residenza a Roma, e quindi entrò in tale Istituto religioso.
Quando le si chiese perché fosse entrata nella Congregazione, ella rispose che “era per conoscere e amare Gesù e farsi santa”.

 >SCARICA LA PREGHIERA<

Continua a leggere
  2030 Visite

Inaugurazione del ministero pastorale di Fra Agnello Stoia, parroco della Basilica - diretta streaming ore 15.45

ALLE 15.45 DIRETTA STREAMING Dalla Basilica di San Pietro, Santa Messa presieduta dal Card. Mauro Gambetti in occasione dell’inaugurazione del ministero pastorale di Fra Agnello Stoia, parroco della Basilica

  1236 Visite

Nicholas Chiaradonna e’ entrato in Bocconi facoltà di Economia e Management

Nicholas Chiaradonna 17 anni ( classe 2004) e’ entrato in Bocconi facoltà di Economia e Management , classificandosi tra i più giovani bocconiani italiani… frequenta il 5 anno di liceo scientifico di Montella e l anno prossimo sarà in Bocconi a milano .Congratulazioni ai genitori di Nicholas

  739 Visite

Montella : Castagne, ASA scrive al Prefetto

Ancorchè in fase costituenda, a questa associazione pervengono numerosissime segnalazioni informali circa l’increscioso fenomeno di ingressi abusivi nei castagneti, in particolare nel periodo della raccolta, con conseguenti alterchi, aggressioni, minacce e furti di castagne.
Sono avvisaglie da non sottovalutare quelle delle due ultime stagioni estive di pandemia, durante le quali si è registrato un flusso eccessivo, disordinato e irrispettoso dell’ambiente, da parte di pseudo-turisti di giornata, provenienti dalle vicine province, la cui unica traccia è costituita da rifiuti abbandonati sui prati, nei boschi e lungo i corsi d’acqua.
Tutt ciò è stato più volte recentemente evidenziato dalla stampa provinciale, che non ha tralasciato la pubblicazione di foto di quei luoghi deturpati, ripuliti poi alla meglio da cittadini di buona volontà che amano e rispettano la montagna.
A maggior ragione, con l’inizio della campagna di raccolta delle castagne, cresce il fondato timore che tali fenomeni, già ripetutamente verificatisi negli anni addietro, possano avere una pericolosa rescrudescenza, cui può conseguire la commissione di reati, quali furto aggravato, minaccia, aggressione, lesioni, ecc.
Risulta pertanto impellente la necessità di garantire ai castanicoltori, quantomeno in questo, il diritto di lavorare in piena tranquillità e sicurezza.
Di conseguenza, si segnala l’opportunità di intensificare l’attività di vigilanza lungo tutte le strade, comunali e non, che notoriamente sono state -e possono diventare- teatro di detti sgradevoli episodi.
In particolare, il Comune di Montella potrà tempestivamente valutare, oltre alla predisposizione di un servizio di vigilanza mirata, anche l’apposizione di divieti di sosta lungo le strade interessate, nonchè predisporre cartelli contenenti l’avviso che l’ingresso abusivo nei fondi privati per raccogliere le castagne contro la volontà dei proprietari costituisce ipotesi di reato (art. 637, 624 e 625 c.p.), distribuendoli agli interessati per la collocazione sui fondi.
Il Prefetto di Avellino vorrà certamente dare disposizioni in proposito, anche di ordine pubblico, al fine di scongiurare la commissione dei paventati reati.
Montella, 1 ottobre 2021.
Al sig. Prefetto di Avellino Corso Vittorio Emanuele n. 4 - 83100 Avellino
Ai signori Sindaci di Bagnoli I. ,Volturara I., Cassano I., Montemarano, Montella, Acerno
A.S.A. – Associazione per la Salvaguardia dell’Ambiente
Via Verteglia n. 10 - 83048 Montella (AV)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  973 Visite

Bagnoli, terminato lo scrutino. Filippo Nigro è il nuovo sindaco di Bagnoli . Da Palazzo Tenta 39

Bagnoli, terminato lo scrutino. Filippo Nigro è il nuovo sindaco di Bagnoli  Risultati definitivi

  839 Visite

17a Marcia della pace Assisi-Montella 1-3 ottobre 2021 Convento S.Francesco a Folloni Montella

EQUIPAGGI
Equipaggio diurno
1. Tony Nigro
2. Stefano Nigro
3. Cinzia Pizza
4. Danilo Pizza
5. Rocco Renna
6. Fausto Ruotolo
7. Lia Sanacore
8. Sergio Volpe
9. Fiorentino Vietri
Equipaggio notturno
1. Alba Buccella
2. Gianluca Capra
3. Teresa Cherubino
4. Salvatore Cianciulli
5. Giorgio Diana
6. Pier Paolo Di Gregorio
7. Agostino Iannaccone
8. Pasquale Romano
9. Marcello Soriano

Gianluca ad Arrone, la salita più impegnativa

Continua a leggere
  2017 Visite

A Volterra due belle giornate di sport con il Campionato Nazionale di Calcio over 40

Il 4 e 5 Settembre u.s. si è tenuto a Volterra e Ponteginori il Campionato Nazionale Veterani dello Sport Categoria over 40 organizzato dalla sezione Volterrana della Unione Nazionale Veterani dello Sport (U.N.V.S.). Davanti ad una bella cornice di pubblico si sono affrontate le squadre di Volterra, Cecina, Lamezia Terme (CZ), Massa (MS), Montella (AV) e Nusco (AV). Alla conclusione del Torneo, Massa si è aggiudicata la vittoria e la squadra di Cecina il riconoscimento della migliore formazione sotto il profilo del Fair Play per la correttezza dimostrata in campo.

Il Panathlon Club di Volterra/ Alta Val di Cecina ha non solo sponsorizzato e contribuito alla piena riuscita della competizione sportiva, ma ha conferito – presente il Vice Presidente e Tesoriere LUCIANO SOLDI – il riconoscimento alla squadra di Cecina con una propria Targa Fair Play in occasione della Conviviale organizzata al termine del Torneo.

Due belle giornate di Sport che rappresentano una ottima ripartenza dopo il blocco imposto dalla Epidemia COVID.
Significativa ed apprezzata da tutti i partecipanti la presenza del Panathlon Club di Volterra sempre a fianco ed a favore dello Sport locale e dei valori di correttezza sportiva.

  820 Visite

Borsa di studio in memoria di Aretino Volpe 2021 a Daniel De Marco

Durante la manifestazione di apertura dell’anno scolastico all’ Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “R.D’Aquino” nella sede di Montella, è stato premiato lo studente Daniel De Marco dell’Istituto di istruzione superiore statale Rinaldo D'Aquino. indirizzo musicale . Ha consegnato il premio il Figlio di Aretino Toni Volpe.

Continua a leggere
  789 Visite

Borsa di studio in Memoria del prof. Aretino Volpe, preside anno scolastico 2020/2021

Mercoledi 15 settembre 2021, alle ore 17:00, in occasione dell’apertura dell’anno scolastico 2021-2022, sarà consegnata presso l’Istituto Superiore R d’Aquino in Montella la Borsa di studio in Memoria del prof. Aretino Volpe, preside   Destinatario della Borsa l’alunno De Marco Daniel della V E dell’Istituto R. D’Aquino di Montella - anno scol. 2020/2021

I familiari del Prof. Aretino Volpe, dal 2011, anno della sua dipartita, hanno istituito una Borsa di studio annuale alla Memoria, al fine di tramandare il ricordo del loro congiunto presso le nuove generazioni di alunni dell’Istituto di Istruzione Superiore “R. d’Aquino” di Montella , nel modo più aderente ai valori che hanno contraddistinto il suo agire professionale ed umano.

La Borsa e’ destinata agli alunni delle classi quinte dell’ Istituto Superiore Statale “R. d’Aquino” di Montella ( scuola di cui il prof. Aretino Volpe è stato per venti anni Docente di Italiano e Latino e per altri dieci anni, Dirigente scolastico) che conseguono il miglior risultato scolastico nell’anno di riferimento

Il prof Aretino Volpe ha sempre impegnato le sue energie professionali e umane perché l’Istituto Superiore  R. D’Aquino si affermasse come una scuola di qualità e d’innovazione, agenzia educativa autorevole e riferimento per le famiglie e per il territorio ed ha creduto in una Scuola pubblica, inclusiva, democratica e nello stesso tempo meritocratica, che sapesse offrire opportunità educative a tutti ma anche capace di riconoscere i meritevoli e di premiarne il talento.

La sua azione è stata ampiamente riconosciuta dalla Scuola che nel 2011 gli ha intitolato l’Aula Magna.

Continua a leggere
  678 Visite

L'erboristeria "I Semplici" di Ivana Capone premiata erboristeria dell'anno Montella (AV)

Ed ecco a voi i nomi dei vincitori della 4a edizione del PREMIO ERBORISTERIA DELL’ANNO! VINCITORE ASSOLUTO

Erboristeria Equilibrio Naturale di Valentina Norbiato

Mestrino (PD)

CATEGORIA WEB STRATEGY E SOCIAL MEDIA

Erboristeria I Semplici di Ivana Capone

Continua a leggere
  595 Visite

Arte e cultura .....i vostri atrticoli

 

 

Continua a leggere
  306 Visite

Comunicato stampa del circolo Pd di montella e di sinistra italiana circolo E.Berlinguer di Montella del 07/09/2021

Il Circolo Pd e il circolo Sinistra Italiana “E. Berlinguer” di Montella ritengono necessario intervenire pubblicamente a sostegno della proposta dell’Amministrazione Comunale di candidare a un progetto di Ospedale di Comunità la Casa di Accoglienza adiacente al Convento di San Francesco a Folloni.

Riteniamo che la struttura, così come si presenta oggi, sia la più adatta, nonché quella più attrezzata su tutto il territorio provinciale, a soddisfare i parametri richiesti per la realizzazione di un progetto con finalità socio-sanitarie. L’ospedale di Comunità, accogliendo pazienti che necessitano di interventi sanitari clinici a bassa intensità (non erogabili a domicilio), risponde pienamente allo scopo sociale di una Casa di Accoglienza. Si presenta qui ed ora l’unica occasione per ottenerne la realizzazione con le agevolazioni provenienti sia dal Piano Nazionale di Resilienza e Ripartenza che dal SSN.

Inoltre siamo convinti che perseguire questo obiettivo significhi riaffermare un principio ispiratore del nostro agire politico, cioè offrire alla nostra comunità maggiori opportunità in termini di servizi e di progettualità, senza né impiego né spreco di denaro pubblico, ma utilizzando costruttivamente il patrimonio immobiliare comunale.
È questa anche l’occasione di fare chiarezza. È certamente necessario e utile il dibattito pubblico, ma è del tutto fuorviante e strumentale la diffusione di notizie false tese a manipolare le buone intenzioni di chi presenta proposte progettuali che non hanno nulla di punitivo verso nessuno. Ci lascia basiti il clamore di alcuni interventi (opera dei “soliti noti” conservatori) che si leggono sui social, perché non hanno nulla dello spirito francescano. Ci amareggiano sia l’improbabile difesa della proprietà che l'assenza cinica della consapevolezza del momento emergenziale pandemico che viviamo come comunità.
Tanto per essere chiari:
• La presenza dei Frati nel Convento di San Francesco non è mai stata messa in discussione. È FALSA qualsiasi notizia che vuole attribuire a questa Amministrazione la volontà di allontanare i Frati da San Francesco.
• La Casa di Accoglienza, come peraltro tutto il Convento, è legalmente di PROPRIETÀ del Comune di Montella, come dimostrato da atti ufficiali, consultabili su richiesta. Ai Frati fu concesso l’uso, il possesso della Casa di Accoglienza, per finalità sociali e non di lucro.
L’affitto stipulato negli anni passati con la Comunità Montana (cosa che stranamente non ha suscitato scalpore!) ha interrotto di fatto il possesso del bene da parte dei frati, quindi la Casa può essere destinata, in quanto proprietà del Comune, ad un uso sociale, come la sua destinazione iniziale prevedeva e prevede tuttora.
• La gestione dell’ospedale di Comunità è affidata al Servizio Sanitario Nazionale e non a cooperative private, come si è raccontato sui social solo allo scopo di delegittimare l’iniziativa.

Una menzione a parte merita il parcheggio del convento, acquistato evidentemente con donazioni della comunità e al servizio della comunità e di tutti i cittadini che visitano il luogo. Facciamo solo notare che il sistema di illuminazione del parcheggio, dell’intero perimetro esterno del complesso conventuale e dello stesso campanile è stato realizzato a spese del Comune di Montella, che paga l’utenza con un costo annuo di oltre 3.000€ .

Il parcheggio, in accordo con i frati, durante la pandemia è stato individuato come Drive in Covid perché facilmente raggiungibile da tutti i paesi del circondario.

Continua a leggere
  1091 Visite