Per un 8 marzo di riflessione e di memoria di Anna Dello Buono

2020 03 08 Giovannina MorroneIn questo strano 8marzo 2020 che giustamente limita aggregazioni e scambi di mimose, voglio contribuire alla Giornata internazionale della Donna recuperando una memoria.  E’, infatti, la memoria che sovente ci sfugge :il cammino dell’emancipazione femminile di cui oggi godiamo i frutti ha avuto coraggiose combattenti ,alle quali noi donne del ventunesimo secolo dovremmo un riconoscente pensiero.Voglio oggi ricordare una nostra concittadina che puo’ essere annoverata tra le antesignane del pensiero di genere:
Giovannina Morrone (Avellino 1876 – Montella 1939) Insegnante elementare nelle scuole comunali di Cassano e Montella, è stata una pioniera del femminismo su almeno due fronti: il lavoro e la politica.
La sua azione si colloca alla fine dell’800 quando poche erano le donne impegnate in un lavoro fuori di casa che non fosse quello manuale. Essere maestra, vivere del proprio lavoro ed essere economicamente autonoma, seppur consentito, era considerato una sfida alle regole sociali piccolo borghesi , che preferivano donne relegate al ruolo di madri e di spose.
Furono invece proprio le maestre elementari le protagoniste di un cambiamento culturale che negli anni successivi all’Unita’ d’Italia e nei primi anni del 900 portarono “nei piccoli paesi , nelle contrade piu’ sperdute la rivoluzione dell’istruzione ai figli del popolo”
E non a caso furono alcune di loro le maggiori protagoniste della lotta per i diritti delle donne e per l’emancipazione femminile .
La maestra Giovannina (com’era comunemente chiamata) fu in prima persona interprete di una storia locale che si ispirava a quella nazionale ed europea delle “suffragette “e che ebbe come alleato il Partito Socialista .
La Morrone si era probabilmente avvicinata gia’ nel 1904 alle idee socialiste, che sentiva congeniali alla sua visione dei diritti fondamentali delle donne, come lavoratrici e come cittadine.
L’incontro con Ferdinando Cianciulli, dotato di una forte personalità politica e umana, il “compagno “ che poi sposò nel 1910, contribuì a fortificare i suoi ideali e a rafforzare la sua sensibilità umana verso le classi piu’ deboli che gia’ possedeva.
2020 03 08 B Giovannina MorroneDel marito sostenne e condivise concretamente le lotte e gli ideali, con un ruolo non secondario.
Mentre Ferdinando lo visse sempre con un impegno politico di prima linea, come si direbbe oggi, coraggioso, totalizzante, appassionato che pagò poi con la vita, Giovannina lo visse non solo dedicandosi all’istruzione del popolo, come insegnante elementare, ma partecipando a comizi, scioperi . conferenze
Scrivendo articoli sul periodico socialista "Il grido degli umili", fondato e diretto dal marito
Mario Garofalo ricorda nel suo lavoro “ Alle origini del socialismo in Irpinia : Ferdinando Cianciulli “ed. Dorso , pag . 99 che nella sede della Federazione internazionale del Libero pensiero tenne una conferenza su La donna di fronte al clericalismo
Alcuni articoli sulla condizione femminile, firmati G.M., sono richiamati nel volume “Delitti incrociati “ di Cecilia Valentino ed. Mephite Riporto alcuni passaggi che conservano, ancora oggi, valore e forza ideale straordinari.Nel primo , apparso in prima pagina con il titolo “La nostra redenzione “affronta il tema dello sfruttamento del lavoro delle donne “ … A voi malpagate , lacere e pallide , che passate nella vita figlie , spose, madri, come le martiri del dolore , a voi tutte corre il mio pensiero , saremo redente dal Socialismo” Nel secondo “La donna e il Socialismo” del 24 aprile 1920, parla del Diritto al voto delle donne , che purtroppo si realizzerà solo 26 anni dopo nel 1946 !”….Nonostante gli sforzi del Partito socialista, la donna è ancora priva del diritto di voto alla donna è negata ogni influenza diretta sulla politica del Paese, benché ne paghi le tasse e subisca le leggi, come ogni altro cittadino …. Non vi è forza piu’ conservatrice dell’Ignoranza. Questo lo sanno le classi dirigenti e per questo tanto si adoperano per far crescere la donna all’ombra della sagrestia, affinché le visioni paurose della superstizione la tengano sottomessa … Spesso si sente dire alla donna: « che cosa importa a te della politica ?Pensa a marito, pensa ai tuoi figli”»
Oggi la condizione della donna è, per fortuna mutata, la consapevolezza dei diritti è diffusa e il loro godimento assicurato dalle leggi, ma se si scava a fondo, molti diritti sono ancora formali, non sostanziali
Non abbassiamo la guardia pertanto. Mai!
Buon 8marzo a tutte !

Villa Elena - De Marco : Storia di solidarietà . d...
Ordinanza N° 15 del Comune di Montella - Misure u...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 25 Ottobre 2020
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.montella.eu/