Paura da virus, tra caccia all'untore e tentativi di truffe - dal Quotidiano del Sud di Roberta Bruno

CORONAVIRUS 01MONTELLA – Nel paese Irpino la paura del contagio da CODIV-19 infesta più rapidamente del virus stesso. La giornata di ieri è trascorsa all’insegna di diffidenza e confusione, dopo che ha iniziato a circolare nel paese la voce di nuovi arrivi di “irresponsabili”, ossia di rifugiati che fuggono dalle zone limitrofe a quelle dei focolai.
“Il paese è piccolo e le voci girano in fretta” scrive un cittadino al sindaco Buonopane, chiedendosi, in buona fede, perché i soggetti che rientrano dal Nord, anziché rimanere prudentemente in casa, circolano “incoscientemente” tra bar, pub e supermercati.
Da egregio diplomatico quale è, il sindaco risponde che il caso in questione “non rientra nella casistica predisposta dal protocollo del Ministero”, sarebbe dunque questa la ragione che ha impedito qualsiasi provvedimento restrittivo. Una risposta ufficiale, però, da parte del Comune, non c’è stata.
Intanto, nel paese, un altro si improvvisa paparazzo e segnala prontamente gli spostamenti del presunto untore che, ignaro (forse), continua a godersi la giornata di sole in giro per il paese. Qualcun altro ancora, forse più fantasioso, racconta di averlo visto presentarsi ad un funerale, mettendo in fuga gli astanti e facendo storcere il naso ai parenti del compianto.
Whatsapp scotta e la confusione cresce, si cerca di fare mente locale per ricordare i compaesani al Nord e si inveisce sul loro ritorno, tanto che un ragazzo del luogo, che da due anni vive a Lodi, si è sentito in dovere di condividere la sua posizione pubblicamente su Facebook, al fine di rasserenare, non senza rimprovero, i compaesani: “purtroppo questa cosa ad alcune persone sta sfuggendo di mano e a causa della loro ignoranza si diffondono false voci in giro” scrive il giovane.
Ignoranza, tensione, timore o che sia una cosa è certa: la preoccupazione sale e si accompagna alla diffidenza nei confronti delle istituzioni, fenomeno che, se fuori controllo, può trasformarsi in qualcosa di molto pericoloso, verso il quale la diplomazia servirà a poco.
Intanto anche in provincia di Avellino scoppia il caso della truffa telefonica con cui in particolare agli anziani vengono proposti test domiciliari, mai disposti. “Diversi comitati locali ci segnalano una truffa telefonica sui finti volontari della Croce Rossa che propongono test domiciliari sul Coronavirus. Vi informiamo che non è stato disposto alcun tipo di screening porta a porta e invitiamo tutti a fare attenzione”. Lo spiega la Croce Rossa in tweet precisando poi che eventuali “casi sospetti devono essere segnalati alle autorità competenti».

Annullamento giornata di prevenzione Amdos 28.2.20...
Esercitazione di ricerca e soccorso il 3 marzo in ...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 26 Ottobre 2020
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.montella.eu/