Lettera in redazione di Giuseppe Marano

Caro Direttore qualche giorno fa ho letto un manifesto del PSI ( solo questo partito mi pare vivo!) che mi ha colpito al solito per la bella prosa di antiche impronte classiche, più che per il contenuto (intendiamoci: perchè di esperienza e tecnica politica, sono piuttosto digiuno -e non me ne vanto...per tante ragioni!-). Si incalza e giustamente da opposizione, l'Amministrazione ad essere più efficiente e vicina ai cittadini: è il desiderio di tutti, anche, modestamente mio...Laddove mi pare il discorso strida con la realtà (la famosa "stecca nel coro" di montanelliana memoria) è il punto in cui si invita pressantemente a inserire altro personale nella pianta organica comunale. Ebbene, più che da osservatore, ma da... "origliatore" della diffusa opinione pubblica, ho avuto

modo di registrare costantemente e ...monotonamente (sempre la stessa sonata per intenderci) un parere nettamente diverso che cioè il Comune già come si trova, "scòrma" (=è esuberante) di personale dipendente, per cui in tempi di stretta nazionale, non si vede come ci si possa allargare...cerco di tradurre il concetto e spremere alla bell'e meglio il succo dell'umore generale...Piuttosto, per la salvaguardia della vita civile, diurna e, perchè no, notturna, sarebbe opportuno, anzi indispensabile, ampliare adeguatamente la pianta organica dei vigili, tenuto conto della nostra estensione urbana non inferiore ad Avellino se si considerano le lontane contrade...si rilevano sovente ingorghi determinati da macchine in sosta in posizioni assurde e preclusive del traffico...non sto a fotografare come per la grande nevicata...ci siamo capiti...Da vecchio uomo di scuola ricordo il concetto dei diritti acquisiti cavalcato da un esercito di supplenti, pure di 10 gg! che rivendicavano il posto di lavoro a prescindere da ogni concorso...e queste mostruose rivendicazioni venivano acchiappate dagli occhiuti e svelti sindacati, per l'incetta delle tessere...e ne fecero tante da...ricattare i nostri imbelli governi...che concedevano l'immissione in ruolo con un colloquio macchietta mentre fior di giovani laureati col massimo restavano fuori...quello che in sostanza continua in questo stato bagnarola...con la conseguenza sotto gli occhi di tutti...non vi voglio angustiare con interminabili elenchi (l'hanno fatto già Rizzo e Stella enormemente più autorevoli di me- modesto uomo di casale- purtroppo inutilmente) , vi cito solo la mostruosità delle cifre matematiche: 30.000 dipendenti regione Sicilia, 2.300 regione Lombardia (col doppio di popolazione!)... dipendenti scolastici 1.350.000...e fanno ancora commedia! Ma che vogliamo più...!? Con rispetttosi saluti Giuseppe Marano

Riflessioni sulla lettera del Professore Giuseppe ...
LA POSTA RE SUORIO di Giuseppe Marano
 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Martedì, 15 Ottobre 2019
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.