Le vere vie dell'acqua dove Montella è fulcro di importanza Europea (di Angelo Capone)

Vie Dell acqua 04Al tempo di Federico II di Svevia, "Al Cammino di San GUGLIELMO" (( Clicca sul seguente LINK, usciranno tre ulteriori commenti preliminari:

( Angelo Capone https://www.facebook.com/carmine.deangelis.5/posts/10218134437863324))

Montevergine-Chiusano S.D.-Goleto e "Al cammino di San FRANCESCO" che, nel secolo successivo (1200), sulle stesse vie dell'ACQUA, pose la prima pietra, in località FOLLONI di Montella, alla confluenza del Fiume CALORE Irpino col suo affluente di destra idrografica, (lato Bagnoli I.), ora denominato IENNARULO. Ma già un millennio prima, al tempo di Cristo, l'Imperatore Romano AUGUSTUS ( nolano di nascita) , in questi luoghi del Fronte Settentrionale dei Monti Picentini, diede il nome ad una medio-piccola SORGENTE("Fontana r' AUSTO"/oggi in

proprietà Carignani), anch'essa in sx idrografica del Fiume CALORE, compresa tra la piccola "Fontana del MIRACOLO" di San Francesco a Folloni e la importantissima "IperSORGENTE BAGNO della REGINA" ( erogante, storicamente, portate oltre i 2000 litri di acqua al secondo).

Vie Dell acqua 03Gli sgorghi, perlopiù intorno ad un piccolo rilievo calcareo, affioramento carbonatico, in finestra, da formazioni fliscioidi, formavano subito un Laghetto bellissimo e perciò degno della regina". All'epoca e ininterrottamente fino al 1960, subito si formava, nasceva un fiume defluente, come emissario, verso Nord a intercettare il sottostante, vicino fiume Calore, al termine di una grossa ansa semicircolare). IperSorgente, questa, situata, sempre in territorio di Montella, a Occidente, e a circa 500 m dalle tre Sorgenti minori di Cassano Irpino. Nei primi anni 60, per la PUGLIA assetata, si ebbe l'idea di captare interamente la sorgente e di addurla, in galleria, appositamente realizzata a partire da STRATOLA di Montella, subito oltre l'attraversamento, con tubo/condotta, del Fiume CALORE.

 

 

La galleria, passante sotto Tagliabosco-FontiglianoNord e quindi, a Sud dell'Abbazia del GOLETO, per proseguire fino a CAPOSELE, alla base del Fronte Settentrionale del Massiccio del CERVIALTO-Falda pedemontana del Monte RAMATICO. A Caposele il fiume sotterraneo si incrementava delle copiose acque della famosa Sorgente SANITA' di Caposele e, sempre in galleria, almeno per buona parte, verso Bari-Lecce-Santa Maria di Leuca (al cospetto dell' Africa). In un momento, un monumento della natura di singolare bellezza fu eliminato totalmente dalla vista dei montellesi e non solo. Diventò un puntino geografico in cartografia e un mero prato, con erba spesso secca, nella realtà territoriale del passante che non si rendeva, e ancora oggi non si rende nemmeno conto di quale sito stesse attraversando, in ferrovia o a piedi e/o in auto lungo la strada adiacente asfaltata, ex statale per Bagnoli Irpino.

Vie Dell acqua 01


Tutto è rimasto fissato nella mente e nella percezioni retinico-cerebrali di noi pochi supravvissuti all' eliminazione, cancellazione, CAPTAZIONE totale delle acque mediante la definizione di un VESPAIO Drenante capace di far defluire le acque in una condotta sotterranea, a partire da un piccolo manufatto in pietra calcarea costruito in adiacenza alla strada. Uno spettacolo della natura che non può e non deve restare occultato per sempre, deve essere riportato alla vista dei MONTELLESI, degl' IRPINI, di tutte le scolaresche d'Italia, e non solo, per finalità didattiche, ludiche, turistiche e di conoscenza delle vere VIEdell'ACQUA, con la RICAPTAZIONE mirata alla costruzione di un TEMPIO VETRATO, TRASPARENTE e capace di riportare a giorno, alla vista di tutti, quanto fu profanato, in un attimo e con un'apposita Legge, nei primi anni 60.

Vie Dell acqua 02Strano concetto della mutualità, della reciprocità, dei diritti e dei doveri. Ora si parla di Sorgenti di Cassano. Montella non è nemmeno nominata. Montella, col suo territorio a Meridione, contribuisce rilevantemente a costituire l'ACQUIFERO sorgentizio e ha solo doveri di salvaguardare, conservare, non inquinare le acque superficiali e profonde che drenano verso la Sorgente BAGNO. Ha il solo dovere di non progettare e definire AREE INDUSTRIALI che siano ubicate sull'ACQUIFERO, sulle sue montagne e sulle sue Pianure Intramontane e vallive del GRABEN/Fossa Lacustro-ALLUVIONALE-CONOIDEA di Montella, di non fare Agricoltura, zootecnia inquinanti e di depurare le acque nere per non contaminare le falde acquifere connesse alle sorgenti captate e non. Non ha nessun diritto, tanto meno ristori,Tanto meno opere tese a razionalizzare, modulare i bisogni di IRRIGAZIONE, rimpinguamento di falde acquifere, Vasche, invasi, Deflusso MINIMO VITALE del Calore e sua tutela da "strani" progetti e "strani" usi di rive e greto fluviale, turismo compatibile, deve solo donare e "tacere".

 

In un Paese normale, prima di fare leggi di questa portata, si sarebbe almeno pensato di studiare un "PIANO delle ACQUE" e delle connessioni socio-economiche relative alle popolazioni residenti... Tre paesi limitrofi interconnessi all'AQPugliese, Montella, Bagnoli e Cassano, hanno e gestiscono in proprio tre depuratori. Ma vi sembra una cosa possibile e giusta? Come minimo si doveva progettare e gestire e pagare "da parte dei beneficiari finali" un DEPURATORE intecomunale più a valle possibile ( tra Cassano e Montella in destra CALORE, fuori da formazioni idrogeologicamente connesse alle sorgenti) e tale da ricevere , con condotte ben ubicate, (sicuramente stagne e tali da non attraversare falde acquifere episuperficiali, prossime al piano di campagna), le ACQUE NERE da DEPURARE il più possibile e da riutilizzare per irrigazione e/o per reimmettere nel fiume Calore. I tracciati attuali e le stesse condotte,(con i relativi, spesso molto profondi "TOMBINI" d'ispezione e/o di collegamento dei tubi), hanno queste caratteristiche, in zone alluvionali e carsiche e/o proprio in falda acquifera? Cicero pro domo sua. Stato,Regione,Comuni. Strano modo di interpretare la reciprocità, la gestione del territorio e il bene comune, strano modo di fare e anche di interpretare le LEGGI. 

E anche di leggerle e farle rispettare. Fermi agli anni 70/80. Anzi... / Per quanto riguarda altri acquedotti, come ALTO CALORE, AMAN Napoletano e altri verso altre realtà e per un totale di 5-6 milioni di abitanti serviti, valgono le stesse considerazioni in rapporto agli ACQUIFERI del grande TERRITORIO montellese coinvolto a sottendere i deflussi sotterranei, alle varie profondità e direzioni verso Pozzi e Scaturigini captate e non. / Dal PANTHEON d'ITALIA dell'ACQUA ... Ciao Vittorio.! Angelo

Simone Pizza porta Montella a Milano nel cuore di ...
Campionato d'inverno di skeet 75 su 75 piattelli c...
 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Mercoledì, 16 Ottobre 2019
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.