L'Italia sul punto di non ritorno di Graziano Casalini

Casalini-NaveSpett:le Redazione Montella Eu, L'Italia sul punto del non ritorno, come la Costa Concordia, inclinata sul fondale roccioso che l'ha squarciata, in attesa, non si sa come e quando, di poter essere raddrizzata e trasportata in un porto vicino per essere demolita. Questo è un paragone del tutto pessimistico, ma anche alquanto realistico, sul destino del

nostro paese. Per non andare incontro a questo destino a mio avviso molto dannoso in  ugual misura a tutte le classi sociali dei cittadini, occorre fare il possibile e tentare anche l'impossibile, per trovare accordi tali fra le varie forze politiche e i movimenti in rappresentanza dei suddetti cittadini elettori, al

fine di ridare urgentemente governabilità al nostro Stato, iniziando un percorso comune completamente nuovo, su tutti i fronti e che ci riqualifichi tra le grandi società dell'Europa e del Mondo. Ripartendo da zero, senza fermarsi in discussioni sterili sul passato. Sarà molto difficile, ci vorrà un po' di tempo, ma iniziando bene, potremmo innescare un circuito virtuoso che ci porterà senz'altro a dei risultati soddisfacenti e sufficienti a mantenere un tenore di vita dignitoso per tutti, cosa che al momento sembra essere venuto meno.Vedi: i disoccupati, senza speranza di poter trovare un lavoro; gli esodati che devono affrontare anni senza alcun reddito; gli artigiani e i commercianti, che non vanno più avanti, un po' per le tasse un po' per la perdita o il drastico ridimensionamento del loro lavoro e dei loro affari; gli industriali che ormai non sono più competitivi sui mercati e debbono de localizzare le loro attività e infine alcune categorie di pensionati senza più potere di acquisto. A portare l'Italia in questa tremenda situazione, oltre alla crisi mondiale, abbiamo contribuito un po' tutti, a partire, da chi a creduto di fare il furbo,non pagando le tasse e portando ingenti risorse nei paradisi fiscali, i politici stessi, auto eletti, hanno fatto di tutto e di più, dal rubare i soldi pubblici, dal corrompere e farsi corrompere, dall'avere anche contiguità con la malavita organizzata, pensando quasi sempre e principalmente al loro interesse personale. In tal senso si sono verificati molti casi, sta a noi saper ben distinguere, le mele marce eliminandole per sempre in modo che non facciano marcire le poche rimanenti sane rimaste ancora nel cesto Italia. Altra grave responsabilità, sta nella scuola, dove io credo non si faccia un vera educazione dei giovani, al rispetto del bene comune e al concetto dei diritti e dei doveri, che comporta il vivere in società così complicate e moderne. E in questo accomunerei, anche la famiglia troppe volte latitante sul tema educazione. E allora? allora bisogna che tutte le forze di buona volontà, le famiglie e chi sarà preposto alle guida della Pubblica Istruzione, si uniscano in un sforzo comune e immane, al fine di raddrizzare e possibilmente far rinavigare l'Italia, che non è, e non sarà demolita come la Costa Concordia, tutti i cittadini e i loro rappresentanti politici di buon senso non lo permetteranno mai. Cordialmente Graziano Casalini.

Graziano Casalini. ai visitatori del sito montella...
Un volo molto importante (di Graziano Casalini)
 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Venerdì, 06 Dicembre 2019
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.