In ricordo di Zio Aurelio Fierro (di Tommaso Chieffo)

 

In ricordo di Zio Aurelio Fierro

di Tommaso Chieffo

Aurelio FierroEra da tempo nei miei pensieri scrivere qualcosa che smuovesse questa amministrazione e "bacchettasse" le passate e l'articolo di Gianni Cianciulli mi ha dato l'input e oltretutto, cosa ancor più importante, la prova che c'è ancora qualcuno che ricordi ZIO AURELIO!!! Grazie Gianni. Va bene una

struttura, ma ancor di più intitolargli una strada e perchè no una piazza!! Ma giustamente i nostri amministratori, odierni e passati, avranno pensato bene di non imitare altri paesi!! 

Penso sia giunto il momento di pensare seriamente ad un qualcosa che ricordi ai posteri che in questo paese è nato e vissuto, sì vissuto, perchè il suo paese lo portava con se in ogni luogo del mondo, uno dei più grandi cantori della canzone napoletana.
E' stato onorato in tutto il mondo e chiunque abbia avuto il piacere di conoscerlo, non ha avuto che parole di riconoscenza e gratitudine per aver portato in ogni luogo il calore e la poesia napoletana con la sincerità e la schiettezza del buon paesano !!

Come scriveva zia Marisa, la moglie, Zio Aurelio parlava di Montella con genuina commozione ricordando i suoi cari scomparsi e i luoghi della sua infanzia.
Chi non ricorda le carovane di giovani montellesi che partivano per Napoli a fare il tifo per ZIO AURELIO ai festival della canzone napoletana ?!!
Non è stato per caso lui il cantore della pizza napoletana ? La canzone " 'A Pizza " è conosciuta il tutto il mondo !!
Da figurarsi che su una delle più famose navi da crociera "Costa Serena" (testimonianza certa) in uno dei ristoranti si balla e si canta con la musica di ZIO Aurelio !!!
Permettetemi di ricordare che quando veniva a Montella per visita o per cantare era una gioia immensa non solo per la famiglia numerosissima, ma per la tanta gente che si recava alla casa di nonno Rafaele al Corso Umberto I° , o meglio l'ex casa .......
Ogni volta che arrivava a Montella si annunciava a mia madre , zia Roma per tutti, che in fretta e furia imbandiva la tavola e preparava ogni ben di dio per il caro fratellone.

Che che se ne dica Zio Aurelio entra a far parte di diritto tra i tanti personaggi che hanno reso celebre e noto questo paese !!
Potrei stare qua ore ed ore a raccontarvi del caro ZIO Aurelio, ma oggi lo racconta Flavio, il figlio, che interpretando le sue canzoni con bravura e professionalità , porta ancor oggi in giro la sua figura con la classica paglietta.
Ho saputo che per la festa del SS. Salvatore verrà a cantare qui a Montella, il 28 luglio, e così come si faceva con Zio Aurelio sarò ... " vicino a la potea re zi Cilardo ".
Questa mia non vuol essere una ripetizione a quanto già professionalmente scritto da Gianni Cianciulli, ma una testimonianza che si aggiunge, spero a tante altre, affinchè questo paese ricordi di aver avuto tra i suoi figli anche il GRANDE ZIO AURELIO!!!

Lo sviluppo al Sud, la metà di quello della Grecia...
Il cammino della speranza (di Graziano Casalini)
 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Already Registered? Login Here
Guest
Martedì, 15 Ottobre 2019
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.