booked.net

Consorzio di tutela della castagna Igp Buonopane presidente

2022 12 29 Il Mattino 10Paola De Stasio  Montella – Si costituirà oggi a Montella ufficialmente il Consorzio di tutela della castagna IGP. Il presidente sarà il sindaco Rino Buonopane, la decisione di far assumere questa nomina al primo cittadino si è resa necessaria per uscire dall’impasse e poter finalmente dare corpo e anima al progetto. Da quel che trapela i vari imprenditori castanicoli non sarebbero riusciti a trovare l’accordo su un’ altra figura che rappresentasse le istanze del settore, non ci sarebbe stata unanimità su altri nomi proposti. Il comune di Montella essendo proprietario di castagneti certificati ha titolo a far parte del consiglio di amministrazione del Consorzio, nel cda ci saranno inoltre: i rappresentati delle associazioni di categoria Coldiretti, Confagricoltura e Cia, la cooperativa “Castagne di Montella”, un rappresentate del comune di Volturara e uno di Bagnoli ed un imprenditore castanicolo. Sono circa 50 le aziende certificate. Ricordiamo che la costituzione di questo consorzio di tutela arriva a ben 35 anni di distanza dal riconoscimento Doc da parte del Ministro dell’Agricoltura, primo prodotto ortofrutticolo in Italia ad ottenerlo, sostituito 9 anni dopo, nel 1996 in IGP, indicazione geografica protetta. Il consorzio potrà esaltare quello che la castagna Igp è per questo territorio: risorsa economica , tutela dell’ambiente e richiamo turistico. Proprio nel corso di un convegno sul tema, il vice presidente della regione, Fulvio Bonavitacola, di origini montellesi, ha auspicato che la castanicoltura diventi l’esca del territorio per attrarre domanda turistica di nicchia nei borghi che devono continuare a vivere per scongiurare la desertificazione. Questo Consorzio di tutela deve andare oltre il prodotto , diventare una sorta di banca dati, monitorare il territorio, cogliere le spie del cambiamento climatico, fronteggiare altre emergenze come quella del cinipide. La grande sfida è quella di proteggere produzioni che sono tipiche del luogo, e che altri non hanno. Il consorzio non è diventato una realtà anni fa forse perché’ non se ne avvertiva l’esigenza, le castagne si vendevano bene sia fresche che trasformate, si producevano 60mila quintali di castagne Igp, poi è arrivato il Cinipide, e con l’insetto fitofago gli anni bui con una produzione ridotta fino a 15/ 20mila quintali, a quel punto è diventata più forte l’esigenza di unirsi per ripartire, creare accessibilità ai castagneti, avere la possibilità di usufruire di finanziamenti pubblici. Quest’anno la produzione è tornata a livelli alti, ma la qualità è stata scadente, ci sono stati grossi problemi per la commercializzazione, problematiche che vanno risolte per far funzionare il Consorzio di tutela.

×
Stay Informed

When you subscribe to the blog, we will send you an e-mail when there are new updates on the site so you wouldn't miss them.

Le poesie di Christian Sarni e l’atto di amore per...
Raduno provinciale dei Bersaglieri Montella 30 dic...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Domenica, 29 Gennaio 2023