• Accordion Title1

 

ALL'NTERNO DELL'ARTICOLO DUE FILMATI DEL "FIUME CALORE"  

01 07 2017 Fiume Calore 01A conferma di quanto asserito nell'articolo "VISIONE SCONCERTANTE di Angelo CAPONE" circa la necessità di ufficializzare "LO STATO DI CALAMITA' IDRICA/IDROGEOLOGICA per SORGENTI e FALDE ACQUIFERE soggette a depauperamento e a SERI problemi di INQUINAMENTO IN ATTO nella Piana di MONTELLA col fiume Calore che ormai vede, come unica sorgente ( CAPUT FLUMINIS) che origina il tratto fluviale perenne quella del CASOTTO sul FIUME (DEPURATORE inattivo di BARUSO/FERRIERE) vedi foto con due tubi attivi.
Il CALORE NASCE,purtroppo, con i LIQUAMI di FOGNA di MONTELLA e non più con le sorgenti dell'ACCELLICA e/o della SCORZELLA. I liquami carichi di COLIBATTERI fecali e non solo scorrono sulle alluvioni ciottolose del fiume e in esse s'infiltrano fino alle falde acquifere sottostanti nella piana e fino a circa San Francesco dove da

01 07 2017 Fiume Calore 02destra idrografica il CALORE riceve le acque di affluenti Bagnolesi /Montellesi. Perciò, qui, la diluizione dei liquami attenua un pò la carica batterica e in genere quella inquinante di altro tipo; ciò non significa che le acque non continuino a inquinare sia altre falde di subalvea che quelle dei territori attrversati, anche oltre Cassano, verso Nord.
Allego due Video di oggi, 2 luglio, il primo senza commento vocale ( solo scritto in calce) e il secondo con mio breve commento espresso contestualmente alla rippresa audio/video.
Allego anche una foto del fiume col casotto/depuratore che funge da sorgente fluviale ed un'altra foto,subito a monte del casotto, che evidenzia l'assoluta assenza di acqua defluente già ieri.
Clicca sui link seguenti dei video odierni postati su YouTube:

1) https://www.youtube.com/watch?v=5hV4xGt2KsY


2) https://www.youtube.com/watch?v=pxle9w5ZKxI&feature=youtu.be


Alla CASCATA l'AGONIA può durare ancora qualche giorno e le TROTE MORTE le vedremo quando le POZZE residuali di acqua non avranno più ossigeno.
Nel tratto a monte di Baruso il fetore nei punti umidi residuali è significativo di altre fonti inquinanti.
Sul Ponte recente della Lavandaia, carrozzabile, il fetore è comunque "tangibile"con i lavori in stasi . A meno che non ci siano arrivi occultati provenienti dallla subalvea del Sorbitello/SantaMaria.
Cordiali saluti.
Angelo Capone

     

 

Aggiungi commento