06 08 2018 ssalvatore orizzontaleSono un umile figlio di questo paese, situato ai piedi del tuo sacro monte; da secoli volgi lo sguardo sull’intera Valle del Calore a protezione delle nostre anime, allietate dal suono melodioso e soave della tua campana santa. Per il montellese, ma anche per i cittadini dei paesi limitrofi, esiste una devozione particolare che ogni anno si manifesta con pellegrinaggi, con migliaia di persone che si recano presso il Santuario per una preghiera, chi a piedi e chi motorizzato, ma tutti con lo stesso scopo. Ancora più grande è la devozione di chi vive lontano e non può far visita al Santuario; per loro, basta un immagine, un pensiero, un ricordo ed il cuore piange di gioia. A tal proposito, ricordo con particolare commozione un episodio accaduto anni fa. Mi recai negli Stati Uniti a far visita a dei parenti e portai con me una statua del S.S.Salvatore realizzata per l’occasione da Don Gildo Varallo. La preoccupazione che ci

attanagliava era che nel viaggio aereo, la statua potesse rompersi in quanto realizzata con materiale molto delicato e difficilmente trasportabile in valigia. Arrivato in America, mi resi conto che nulla era accaduto e che la statua era intatta. Infatti, giunto dai miei parenti, aprì la valigia, tolsi l’involucro di carta e cartone a protezione della statua e un raggio di sole entrò dalla finestra e si posò esattamente sulla statua appena scartata, illuminandola. In un attimo, la commozione fu tale che tutti i presenti scoppiarono in un pianto gioioso ed indescrivibile. La fede, l’amore verso il S.S. Salvatore, specie per chi vive lontano, è radicato profondamente nel cuore. Se avessi portato un diamante raro, non avrei mai ricevuto tanta gratitudine. Questo episodio lo porterò dentro per sempre.
Ora però, caro Santissimo, vorrei rivolgerti una preghiera. Lo so che sei un po’ deluso da tutto quello che accade, sentendoti sempre più solo ed abbandonato; so che vorresti che il Santuario, la Chiesa ed il campanile fossero sempre aperti e visitati tutto l’anno; so che soffri nel vedere tanti giovani, i nostri figli, la tua gente, in difficoltà ed in sofferenza, costretti a lasciare la nostra terra; so che soffri nel sentirli lontani. Per questo ti chiedo di volgere il tuo sguardo ed il tuo cuore pietosamente verso il nostro paese, verso noi cittadini confusi e disperati. Apri il tuo cuore e la mente dei malvagi; fai finire questa corruzione che corrode le anime ,distrugge la società, depaupera la comunità. Dai speranza ai nostri figli, ai giovani smarriti e allontana i malfattori, i senza coscienza, i finti devoti, i finti religiosi, riempi i cuori d’amore, ma soprattutto, non far mai diminuire la fede, la passione, la devozione per te, nostro Salvatore. Ti incupisci nel vedere il tuo paese affranto, con tanta povertà e disperazione. Porgi la tua mano potente e solleva questo nostro paese caduto. Abbi pietà di noi o Nobile Salvatore.
UN TUO DEVOTO, CARMINE MARANO.

Registrati per ricevere news e le curiosità più importanti scelte dalla redazione