• Accordion Title1

Gente 24 10 2017 03Le analisi scientifica su una reliquia del Poverello di Assisi , custodita nel Convento di Folloni a Montella  , confermano tutti i dati tramandati dalla legenda. L'esperta Ilaria Degano ha analizzato il sacco di San Francesco " RISALE VERAMENTE AL 200 , e conteneva del pane, come pretende la tradizione............ENTRA E LEGGI TURTTO L'ARTICOLO

ONLUS G.Palatucci LOGO 01Porto a conoscenza della cittadinanza  e di quanti fossero interessati alla figura, alla persona , all'esempio ed all'eredità morale del Martire di Dachau Giovanni Palatucci che la nostra Associazione da il via alla compagna di tesseramento per l'anno 2018  ed è possibile aderire rivolgendosi in loco al sacerdote Franco Celetta . .........>entra e continua

Manzi Teatrodante 05Lo spettacolo si è tenuto ieri sera, domenica 15 ottobre, per celebrare i decennali del teatro e del Museo Manzi . La facciata del Teatrodante Carlo Monni ieri, domenica 15 ottobre, ha accolto i passanti con una nuova veste variopinta, grazie alle proiezioni di video mapping - principalmente rielaborazioni grafiche delle opere dell'artista Antonio Manzi - a cura di Paolo Moretti: è stata una delle tante sorprese che ha potuto apprezzare chi ieri sera è passato da piazza Dante, per festeggiare il decennale di due importanti istituzionali culturali di Campi Bisenzio, il Teatrodante Carlo Monni e il Museo Manzi. Davanti a una platea di oltre 350 persone, alle ore 21, è poi andato in scena lo spettacolo "Opere in concerto", una produzione pensata per l'occasione, con la regia di Andrea Bruno Savelli. Sul palco, una serie di opere dell'artista Manzi (dai giovanili "Disegni a biro su lino", di inizio anni '70, a "Apocalisse", olio su tela del 2014, opera che rappresenta la totalità dello sfaccettato mondo artistico dell'artista originario di Avellino, toscano di adozione dal 1957) è propriamente entrata in gioco, grazie a una regia luci suggestiva, che ha fatto dialogare le sculture e i quadri con le note e i musicisti dell'Orchestra La Filharmonie, diretta dal

Montella logo 06Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Montella, indignati e fermi nel condannare l’incivile episodio di cui sono stati vittima gli amici Genoveffa Pizza e Marco Dragone, esprimono il loro sostegno incondizionato alla consigliera e alla sua famiglia.   “Siamo certi che l’ignobile episodio nulla abbia a che fare con l’impegno politico di Genoveffa, ma siamo piuttosto rattristati dal livello di inciviltà raggiunto questa notte, confidando, tuttavia, nella competenza degli organi investigativi per individuare gli autori di questo ignobile gesto. Ai nostri amici va l’affetto e la vicinanza a livello personale e a nome di una comunità che ha

Rubinetti a SeccoTecce R Dal serbatoio di Serrapullo, in quota, al Serbatoio di Monte Sorbo, in linea all’incirca retta, passando per "Lao", si può, con un tubo volante speditivo, << non rigido, (per somma urgenza e con decreto induttivo/Ordine perentorio di passaggio temporaneo "pagato equamente per chi lo dovesse richiedere" nei confronti dei proprietari , (tutti terreni boschivi), >> raggiungere il SERBATOIO di Monte Sorbo e magicamente, in due giorni , anche con l’ausilio del GENIO MILITARE, Il problema è risolto.   Per quanto riguarda il RISTORO dei miseri 50 litri/sec dall’AQP che dovrebbero essere pompati verso Montella ( da 470m slm a 700m slm ed oltre) e solo al bisogno, non si capisce cosa risolva e in che tempi. Il problema RISTORO è molto più complesso ed importante per il territorio che dà, con la Sogente Bagno della REGINA, Montellese interamente, anche fino a 2000 litri al secondo in tempi di massime sorgentizie. A chi salvaguarda gli acquiferi e non può fare economie di fabbriche, di agricoltura intensiva e turismo inquinante, e nemmeno zootecnia oltre un

Sembra essere di natura dolosa anche se le indagini della locale Compagnia dei Carabinieri chiariranno tutto nelle prossime ore. Nella notte a Montella in fiamme l’autovettura di un consigliere di maggioranza del Comune irpino. Le fiamme che hanno avvolto l’autovettura sarebbero state appiccate da ignoti. Sul posto oltre alle forze dell’ordine il pronto intervento dei Vigili del Fuoco per domare l’incendio. Aperta subito un’indagine per risalire ai colpevoli e capire il movente del

Lucia Travaiani, autrice di un'originale opera che arricchisce la nostra terra.  Il tesoro di Montella, Napoli, Museo Nazionale Archeologico. Il tesoro è composto da 210 monete d’oro: 61 ducati di Venezia [2 Pietro Gradenigo (1289-1311), 4 Giovanni Soranzo (1312-1328), 16 Francesco Dandolo (1329-1339), 8 Bartolomeo Gradenigo (1339- 1342), 31 Andrea Dandolo (1343-1354)]; 89 fiorini di Firenze (1252/1260-1347), 59 imitazioni del fiorino prodotte in diverse zecche europee (si veda il sommario), 1 fiorino falso (breve notizia del tesoro in MEC 14, p. 419). La data di occultamento si fissa intorno al 1354, per la presenza di un fiorino di Carlo V di Valois Delfinato (1353-54, ante

Sottocategorie